7° CENTENARIO DEL "CASALIS FRANCAE MARTINAE"

Franco Marangi, presidente della Confcommercio di Martina Franca, e Riccardo Ippolito, presidente di Umanesimo della Pietra, gruppo che da anni studia il territorio pugliese e ne valorizza storia e tradizioni, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa finalizzato a promuovere una serie di iniziative che si protrarranno per un intero anno: dal 12 agosto 2010 al 12 agosto 2011.

11/set/2009 10.27.35 ViviMartina.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

news su Martina Franca1310 – 12 AGOSTO – 2010
SETTIMO CENTENARIO DEL RICONOSCIMENTO ISTITUZIONALE DEL “CASALIS FRANCAE MARTINAE”

Il 12 agosto 2010 Martina Franca celebrerà i suoi sette secoli di storia e la sua fondazione, cioè il riconoscimento istituzionale del “Casalis Francae Martinae” da parte del principe di Taranto Filippo I d’Angiò (1294 – 1331).
Franco Marangi, presidente della Confcommercio di Martina Franca, e Riccardo Ippolito, presidente di Umanesimo della Pietra, gruppo che da anni studia il territorio pugliese e ne valorizza storia e tradizioni, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa finalizzato a promuovere una serie di iniziative che si protrarranno per un intero anno: dal 12 agosto 2010 al 12 agosto 2011. Si tratta di eventi culturali, convegni, pubblicazioni. Il programma verrà illustrato nel dettaglio a ottobre prossimo. Tutte le iniziative verranno curate dall’agenzia Idea Show di Martina Franca.

Il presidente della Confcommercio di Martina Franca, Franco Marangi, vede nel settecentenario “la possibilità di poter parlare di Martina Franca e delle sue notevoli potenzialità inespresse, così come la sua Associazione di categoria fece nel 1996, sensibilizzando la città al problema del restauro della Basilica Collegiata di San Martino. Forte di quella positiva esperienza – dice ancora Marangi – Confcommercio favorirà la celebrazione del settimo centenario di Martina, il cui progetto sarà presentato pubblicamente alla città per favorire un responsabile coinvolgimento delle diverse componenti comunitarie”.

L’impegno di Confcommercio e di Umanesimo della Pietra – sottolinea Franco Marangi – punta a mettere in rilievo “la notevole valenza socio-economico-culturale del settecentenario della fondazione di Martina con tre obiettivi: ribadire l’identità culturale comunitaria, determinatasi per settecento anni in ossequio ai primitivi valori di laboriosità, di religiosità e di solidarismo; potenziare l’attuale vocazione dominante, produttiva e turistico-culturale della città, impressagli nell’ultimo quarantennio da operatori tenaci;  lanciare un messaggio alle nuove generazioni, affinchè si facciano promotrici di iniziative consimili fino al 2059, anno in cui ricorrerà il settecentenario del processo conclusivo di formazione del centro demico di Martina con l’assegnazione dell’odierno territorio comunale”. 

Va ricordato che Filippo I d’Angio aveva affidato già prima del 1305 il progetto della fondazione del Casale al suo giustiziere e vicario Francesco Loffredo di Monteleone, che delegò per i necessari adempimenti il “capitano” (giudice e governatore) dell’insediamento, il polignanese Guglielmo di Rigolloso.

Filippo D’Angiò fondatore di Martina Franca
DIDASCALIA FOTO: (A sinistra) Filippo D’Angiò, principe di Taranto e fondatore di Martina Franca, guida le armate fiorentine nel 1315 contro il ghibellino Uguccione della Faggiola. (L’immagine è tratta da “Il Villani Illustrato”, Roma, 2005).

- - - - -

Staff ViviMartina.it
www.vivimartina.it
info@vivimartina.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl