se ne è discusso

04/ott/2007 18.49.00 Marina Mancini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
"Dal sole alla terra - nuova energia per la Sicilia" è il titolo del primo di
una serie di incontri che verranno organizzati dall'ISEM -(Institute for
scientific methodology) a Bagheria e patrocinati dall'amministrazione
comunale sui temi di tecnologia, scienza e sviluppo legati alla vita
produttiva delle città.

L'incontro cui hanno partecipato, per lo più, esperti del settore, docenti,
amministratori e consiglieri comunali è servito a fare il punto sulle nuove
fonti di energia, sulla loro diffusione in Sicilia e sulle possibilità
offerte dalla nuove tecnologie in tema di fonti rinnovabili.

A condurre quello che ha preso la forma di un piccolo talk show fatto di
botte e risposta, Mario Pagliaro chimico del CNR e coordinatore dell'ISEM
insieme a al fisico teoretico Ignazio Licata.


"Vogliamo dare un chiaro segno di investimento nel futuro, di ricerca di
soluzioni alternative per l'energia e lo sviluppo" a dichiararlo il sindaco
Biagio Sciortino per confermare il suo appoggio alle attività realizzate dal
consorzio ISEM che vede tra i soci il Comune di Bagheria, insieme ad altri
prestigiosi partner come il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Confindustria
Sicilia.

Il sindaco ha anche accennato all'iniziativa di dotare le scuole del
territorio di pannelli fotovoltaici lasciando l'approfondimento del tema
all'energy manager del Comune Leonardo Lo Coco, che ha aggiunto che verrà
anche studiata una modifica del regolamento edilizio per permettere una
maggiore diffusione dei pannelli fotovoltaici. Si prevede una installazione a
costo zero per l'amministrazione, viste le difficoltà di bilancio, attraverso
i finanziamenti in project financing ed appalti in concessione.

I nuovi polimeri fotovoltaici, il biodisel, il metano usato nelle celle a
combustibile per generare caldo, freddo ed elettricità questi gli argomenti
al centro della discussione e, soprattutto, la possibilità di poter
realizzare queste forme alternative di energia nella nostra regione.

Dall'incontro, organizzato in collaborazione con il consorzio MetropoliEst di
cui fa parte anche il comune di Bagheria, sono emerse forti alcune necessità;
per permettere la diffusione di queste fonti di energia a basso impatto
ambientale sono necessarie corretta informazione, dialogo tra le parti,
snellimento delle pratiche burocratiche e rapporto più conveniente tra costi
e benefici.
Solo così si potrà parlare di uso intelligente delle risorse.

Ma perché il fotovoltaico è così poco diffuso ancora oggi? A rispondere il
fisico teoretico Ignazio Licata che ci spiega che oggi produrre ed installare
i pannelli fotovoltaico per produrre 1 kWh (chilowattora) di energia costa
6500 euro.
Ancora troppo! E dunque non sorprende che l'industria dei prodotti
fotovoltaici abbia un fatturato di soli 11 miliardi di dollari e contribuisca
per meno dello 0.1% dell'industria globale dell'energia.

Occorre dunque fare di necessità virtù, se ancora non basta che il prezzo del
petrolio abbia superato gli 85 dollari a barile e che esso abbia un grosso
impatto sull'ambiente causando cambiamenti climatici, se durante i periodi di
guerra la tecnologia si è particolarmente sviluppata per le necessità che da
essa scaturiva, allora occorre lavorare su queste nuove tecnologie; siamo di
fronte ad una "guerra di energia" conclude Licata.

I costi si possono abbassare riferisce Pagliaro, i polimeri fotovoltaici, di
imminente commercializzazione, sono film trasparenti, a basso costo, che
aprono la via ad una diffusione di massa della nuova tecnologia.
Stampati su rullo come i giornali, vengono facilmente applicati ai tetti,
alle finestre e alle pareti.

Spazio dunque alle best pratices, caso di eccellenza l'azienda Donnafugata
che ci è stata raccontata da Ferdinando Calaciura responsabile del marketing.
Donnafugata produce dall'energia solare il 30%del fabbisogno energetico
delle sue cantine vinicole in Sicilia e sono pronti ad arrivare al 50%.
Costruire processi produttivi che hanno attinenza con la salvaguardia
dell'ambiente e della natura è un grosso ritorno di immagine per la stessa
azienda che viene considerata globalmente all'avanguardia racconta Calaciura,
ancora di più se si considera che ciò avviene in un territorio che è
sacrificato per la mancanza di vie di comunicazione.
Eppure oggi Donnafugata è la prima azienda italiana a far parte del Kyoto
club che segue i dettami del protocollo di Kyoto.

Purtroppo però il responsabile marketing di Donnafugata sottolinea che i
tempi delle aziende non coincidono con i tempi burocratici della politica: è
questo il gap da colmare per favorire lo sviluppo.

Sull'energia del mondo rurale, l' agro-energia, si è soffermato l'agronomo
Giudo Bissanti che ha però evidenziato le complessità di diffusione di questa
fonte pulita di energia dovute, tra l'altro, alla necessità di dover
cambiare il sistema culturale per un diverso sviluppo sostenibile.

Marcello Gulisano ha illustrato le iniziative di Agroenergia Sicilia, il
consorzio di imprese agricole che con la prossima semina darà il via a alla
produzione di biodisel in Siclia; il biodisel è un combustibile derivato da
oli vegetali e l'Italia ne è il terzo produttore europeo con 447 mila
tonnellate.

"E' necessario - dice Gulisano - comprendere le specificità di un territorio
e fare in modo che la fonte di energia rinnovabile rispetti quanto più
possibile i criteri di economicità. La Sicilia ha tutte le caratteristiche
per poter essere all'avanguardia nella produzione di questo genere di energia
e diventare un laboratorio di biocombustibile o agroenergia.

Tutti convinti dunque che si debbano creare le condizioni per proporre in
modo semplice ad aziende, pubbliche amministrazioni, banche e famiglie
soluzioni praticabili ed tecnologicamente innovative per diffondere le nuove
fonti di energia rinnovabile.



-------------------------
Marina Mancini
Ufficio Stampa
Comune di Bagheria PA
tel. fax +39 091943279
mobile: 347.0014952
www.comune.bagheria.pa.it
ufficio.stampa@comune.bagheria.pa.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl