DOLORE CRONICO, UN PAZIENTE SU CINQUE PERDE IL LAVORO

DOLORE CRONICO, UN PAZIENTE SU CINQUE PERDE IL LAVORO .

Persone Claudio Cricelli
Luoghi Italia, Sud, Gerusalemme
Organizzazioni Società italiana medicina generale, Ministero della Sanità
Argomenti medicina, ospedale

04/giu/2012 12.43.12 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Gerusalemme, 4 giugno 2012 – È un sintomo come gli altri ma spesso viene sottovalutato. Eppure il dolore cronico mina l’integrità fisica e psichica del paziente, preoccupa i familiari e incide in maniera negativa sulla qualità della vita. Il dolore è oggi la seconda causa di assenteismo dal lavoro per cause mediche, una persona su 5 perde la propria occupazione, il 50% dei pazienti soffre di depressione e i disturbi ansiosi sono presenti nel 40% dei casi. A pagare il prezzo più alto sono le donne, che rappresentano il 39% contro il 31% degli uomini. Il dolore cronico non oncologico interessa in Italia oltre 15 milioni di persone (26% della popolazione), è uno dei più comuni motivi di consultazione medica, ma meno della metà dei pazienti segue uno specifico trattamento, che si rivela inefficace nell’83% dei casi. Questi dati aiutano a comprendere il forte impatto economico che una patologia così frequente e invalidante ha inevitabilmente sul bilancio del sistema sanitario. “In Italia – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente della Società italiana medicina generale (SIMG) – la spesa annua per il controllo del dolore cronico raggiunge, secondi i dati contenuti nel Libro Bianco, 18.720 milioni di euro. Paradossalmente però è la non gestione del dolore che produce un impatto economico. Il controllo della sofferenza costituisce un elemento di sollievo per il paziente e di razionalità nell’intervento terapeutico escludendo l’accanimento e riducendo i costi”. La gestione del dolore è uno degli aspetti più importanti nella medicina generale. Il medico deve avere le giuste conoscenze delle terapie per attenuare quanto più possibile le sofferenze del paziente, migliorandone la qualità di vita. La Legge 38/2010 ha garantito al cittadino il diritto di accedere alla terapia del dolore e alle cure palliative, posizionando il nostro Paese tra quelli più aggiornati in questo ambito assistenziale. Per gli specialisti è previsto l’obbligo di scrivere in cartella clinica quanto dolore prova il paziente, i farmaci impiegati, le tecniche che si stanno utilizzando e soprattutto il risultato delle cure. Dunque negli ospedali d’Italia, ogni medico e infermiere deve obbligatoriamente scrivere in cartella clinica il monitoraggio del dolore. Questa legge segna il passaggio della concezione del dolore non più solo come sintomo ma come malattia, anche se alcune criticità restano. Secondo recenti dati del Ministero della Salute risulta che il diritto a non soffrire per milioni d’italiani viene garantito sostanzialmente al Nord e in parte al Centro, mentre il Sud è molto in ritardo. La Legge 38/2010, la trattazione sistematica del tema dolore, il ruolo fondamentale del medico di medicina generale e l’impatto economico della gestione del problema dolore, sono stati tra i temi al centro del confronto tra esperti, clinici ed esponenti politici nel corso del Congresso SIMG, tenutosi recentemente a Gerusalemme.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl