Comunicato stampa del 04/09/2002

04/set/2002 10.25.48 Sergio Scapin Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

PROGRAMMA SETTEMBRE - DICEMBRE 2002

 

---------------------------------------------------------------

CINEMA

---------------------------------------------------------------

 

Nel prossimo trimestre a Copenaghen si avranno due ampie rassegne del nuovo cinema italiano. Nelle sale cinematografiche di Gloria e di Cinemateket  verranno presentati ben 17 film diretti e realizzati negli ultimi due anni da giovani autori, alcuni dei quali hanno già riscosso un notevole successo in Italia. Fra questi  L’Ultimo Bacio di Gabriele Muccino che il 27 settembre aprirà la prima rassegna al cinema  Gloria narrando  al pubblico, con un pizzico d’ironia, i problemi generazionali dei trentenni italiani, le loro insicurezze e le immaturità nel matrimonio, nel rapporto con i figli e in generale nella vita. Questa rassegna, che si concluderà il 10 ottobre, vedrà la proiezione di 11 film il cui calendario potrà essere rintracciato in quel mese consultando il sito Web: http://www.gloria.dk/

 

Gloria.

Rådhuspladsen 59.

Copenaghen V

27 settembre -10 ottobre

 

Fra i film proposti  vi saranno: L’ultimo bacio (2001, Gabriele Muccino); Il giorno dell’amore e dell’odio (2001, Claver Salizzato); Il Consiglio d’Egitto (2001, Emidio Greco); Hijos-Figli (2002, Marco Bechis); Banchieri di Dio (2002, Giuseppe Ferrara); Tutta la conoscenza del mondo (2001, Eros Puglielli); Luce dei miei occhi (2002,Giuseppe Piccioni); Fate ignoranti (2000, Ferzan Ozpetek).

 

 

Cinemateket

Gothersgade 55

Copenaghen K

Dal 5 dicembre

 

Saranno 8 i film italiani proiettati al Cinemateket  nell’ambito della quarta edizione del Festival Nuovo Cinema italiano a cura dell’organizzazione Made in Italy. Vi partecipano opere cinematografiche realizzate da registi alle prime armi, fra cui Giovanni Columbu che, con il suo ”Arcipelaghi” ha realizzato, con pieno successo  della critica in Italia, il suo primo lungometraggio. La storia è tratta dal romanzo  omonimo di Maria Giacobbe (in danese “Øen”) e narra  di un delitto fra  pastori in una Sardegna dei nostri giorni, ma ancora legata a vecchi simboli di onore e di vendetta. Alla presentazione del film prenderanno parte anche il  regista Giovanni Columbu e la scrittrice Maria Giacobbe.

Gli altri film previsti sono: L’Inverno (2001, Nina Di Majo); Alla Rivoluzione sulla Due Cavalli (2001, Maurizio Sciarra); Costanza da Libbiano (2001, Paolo Benvenuti); Il Consiglio d’Egitto (2002, Emidio Greco); Qui non è il Paradiso (2000, Gianluca Maria Tavarelli); Sangue Vivo (2000, Edoardo Winspeare).

Per il calendario esatto delle proiezioni è possibile consultare nel mese di dicembre il sito web: http://www.cinemateket.dk/

 

---------------------------------------------------------------

MOSTRE

---------------------------------------------------------------

 

Giovedì, 12 settembre 2002

IIC - ore 19,30

 

Immagini Poetiche della Costa Salernitana

 

Presentazione del volume di fotografie "Bjergetved Golfo di Salerno" di Janne Klerk e inaugurazione della mostra contenente 20 grandi foto tratte dal libro. All’appuntamento sarà presente l’autrice del volume.

 

Paesaggi d'autunno ora dolcissimi, ora drammatici e intensi di costa,di monti, di paesi antichi e pieni di poesia: queste le immagini scattate da Janne Klerk, affascinata dalla bellezza dei territori di Amalfi, Positano, Vietri e pubblicate dalla casa editrice Rhodos nel volume  "Bjerget ved Costa di Salerno".

 

---------------------------------------------------------------

CONFERENZE

---------------------------------------------------------------

 

Martedì, 24 settembre 2002

IIC - ore 19,30

 

Conferenza del Prof. Jørgen Stender Clausen: "Georg Brandes e l'Italia".  In lingua danese.

 

Il grande scrittore e critico letterario danese vissuto a cavallo fra l'800 e il 900, Georg Brandes, è ancora oggi estremamente interessante e attuale nelle sue analisi e nelle sue riflessioni sull'Italia e sull'Europa.

Alcune delle sue opere sono state tradotte in italiano  e pubblicate di recente, come il secondo volume della corrispondenza avuta da Brandes con intellettuali, amici e familiari, nel corso di un suo lungo soggiorno in Italia (Edizioni ETS). Sono lettere tradotte e curate dal relatore della conferenza, Jørgen Stender Clausen, professore associato di lingue e letterature nordiche presso il dipartimento di linguistica dell'Università di Pisa, e direttore della rivista "Studi Nordici", nonché  della collana "Biblioteca Scandinava di studi, ricerche e testi".

 

7-9 novembre

Firenze, "Gabinetto Vieusseux"

8 novembre

Copenaghen, "Sala Regina"

Biblioteca Reale

ore 9-16

 

La conferenza all'Istituto di Cultura di Copenaghen sarà anche un'occasione per suscitare interesse verso un convegno internazionale dal titolo,"Georg Brandes e l'Europa", che si terrà a Firenze fra il 7 e il 9 novembre di quest'anno. Vi prenderanno parte molti studiosi scandinavi, italiani e di altri paesi europei che parteciperanno a un dibattito pubblico nella sede del "Gabinetto Viesseux". Il prof. Clausen, che è uno degli organizzatori del convegno, svolgerà in quella occasione una relazione su "Georg Brandes e l'Italia", ma i temi sollevati andranno dall'interpretazione fatta da Brandes di Michelangelo e del Rinascimento alla sua critica letteraria di autori nordici ed europei, dal suo giudizio sul fascismo al suo rapporto con Nietzche e a quello con il cattolicesimo, dalle sue considerazioni sulla prima guerra mondiale ai suoi punti di vista su Usa, Urss e sull'Europa politica degli anni 20.

Nella seconda giornata del convegno, l'8 novembre, anche chi si trovi a Copenaghen potrà partecipare al dibattito in diretta con gli studiosi di Firenze, poiché l'iniziativa sarà trasmessa in videoconferenza(lingue italiano e inglese) alla "Sala della Regina" della Biblioteca Reale".

Infine, un'altro libro di Georg Brandes è stato appena tradotto in italiano, e non ancora pubblicato, dalla scrittrice italiana Maria Giacobbe. Anche questo volume si riferisce ad alcuni periodi trascorsi dal critico danese in Italia fra il 1870 e il 1912.

 

Martedì, 8 ottobre 2002

IIC - ore 19,30

 

Conferenza della prof.ssa Anna Vari su: "Italo Svevo, James Joyce e Trieste: un incontro risolutivo" Anna Vari è una studiosa di lingua e letteratura inglese che presso l'Università di Dublino ha compiuto un lavoro di approfondimento della letteratura irlandese e sviluppato un interesse per le letterature comparate. Nel quadro di questo impegno ha compiuto degli studi su James Joyce e sul periodo della sua vita trascorso a Trieste come insegante d'inglese. Fu in questa veste che, nel 1906 avvenne il suo incontro con un allievo, Italo Svevo, anch'egli scrittore ma ancora poco conosciuto e non apprezzato in Italia.

Fu un incontro importante e risolutivo, ci spiegherà la prof.ssa Vari, tanto per Joyce quanto per la carriera letteraria del grande scrittore italiano.

Attualmente Anna Vari sta anche lavorando, in collegamento con l'Università di Dublino e con il prof. Kyrbird, ad un progetto su "La crisi del romanzo, la narrazione bloccata,la storia senza storia." Gli autori presi in considerazione sono: Italo Calvino,Flann O'Brien e Raymond Queneau.

 

novembre 2002

IIC - la data esatta sarà pubblicata sul sito web dell’IIC

 

In collaborazione con il Comitato della Dante Alighieri di Malmö-Lund:  Conferenza su Dante Alighieri di Giacomo Oreglia, già docente di lingua, letteratura e storia del teatro presso l'Istituto Italiano di Cultura in Svezia e l'Università di Stoccolma. Oreglia ha fondato e dirige la casa editrice Italica (Stoccolma-Roma) che fra l'altro ha pubblicato opere di Quasimodo e Montale, oltre a quelle di numerosissimi autori svedesi e italiani di cui ha curato le edizioni con sue traduzioni, articoli e saggi. Fra i suoi libri vi sono alcune importanti antologie monografiche sui poeti svedesi, due antologie in svedese dedicate agli scrittori italiani classici e moderni, un'opera sulla Commedia dell'Arte, una su Tommaso Campanella, alcune su Dante e su molti altri prosatori e lirici.

Giacomo Oreglia, che ha lavorato a lungo come corrispondente dell'agenzia di notizie Ansa e che è tutt'ora redattore dell'agenzia AASIL a Stoccolma, ha anche fondato e dirige un Centro Internazionale di studi sulla Commedia dell'Arte.

 

---------------------------------------------------------------

MUSICA

---------------------------------------------------------------

 

Mercoledì, 23 ottobre 2002

IIC - ore 19,30

 

Concerto per pianoforte del Maestro Roberto Galletto che suonerà musiche di Francesco Cilèa, Giulio Ricordi, Mario Castelnuovo-Tedesco, Franco Margola, Claude Debussy, Giuseppe Piccioli, Isaac Albéniz, Enrique Granados, Ernesto Lecuona, Hèctor Villa-Lobos e Astor Piazzolla.

Roberto Galletto oggi è docente al Conservatorio di Roma e presidente dell'Associazine Malatestiana per la Musica e l'Arte, ma ha alle spalle una lunga carriera artistica. I suoi studi di pianorte iniziano in tenerissima età, con la prima esibizione a soli sei anni. Da giovane ha seguito i corsi di F.Gulli e del dipartimento musica della New York University dove ha studiato anche direzione d'orchestra. Da allora esegue con grande successo un ampio repertorio che comprende brani dal settecento ai nostri giorni. E' invitato a suonare in onore di Luciano Pavarotti; effettua dirette TV per emittenti nazionali ed estere ed ha inciso, per la Rivo Alto Electa, un CD con musiche originali di compositori operisti italiani.

 

domenica, 3 novembre 2002

IIC - ore 19,30

 

Concerto del Duo Eva e Enrico Rosa

 

---------------------------------------------------------------

INCONTRI

---------------------------------------------------------------

21 ottobre 2002 (in serata)

5 gennaio 2003

Amalienborghave

 

 

Lux Europae è una manifestazione cui partecipano molti artisti europei invitati in Danimarca ad allestire progetti artistici composti da installazioni luminose con effetti speciali.

L'Istituto Italiano di Cultura contribuisce a sponsorizzare l'iniziativa in collaborazione con i suoi ideatori, il Dansk Kultur Institut, il cui proposito è di rendere omaggio alla presidenza europea danese. Anche un artista italiano, Gabriele Amadori, partecipa al progetto. Gli interessati potranno esserne testimoni a Copenaghen, recandosi alle spalle di Amalienborg nel giardino adiacente, quando Amadori allestirà i suoi giochi di luce con i colori del rosso, del verde e del blu (colori complementari che creano spettacolari effetti di luce), rivolti in direzione del primo mulino a vento visibile dalle sponde del mare e dall’aeroporto.

 

8 novembre 2002 - Dipartimento di Romanistica dell’Università di Copenaghen

9 novembre 2002 - IIC

 

Nella Seconda Settimana della Lingua italiana nel mondo sono esposte due mostre realizzate dalla Fondazione Corriere della Sera. La prima tratta degli articoli di terza pagina su temi letterari e artistici tradizionalmente denominati elzeviri: "A bordo pagina elzeviri dalla A alla Z"; la seconda è sul grande giornalista recentemente scomparso, Indro Montanelli.

 

Nell'ambito della Settimana della Lingua italiana nel mondo, nelle giornate dell’8-9 novembre si tiene anche un seminario di studio per i docenti di italiano, con una conferenza del prof. Raffaele Simone che si svolgerà all’Università di Copenaghen. Per informazioni sulla partecipazione al corso si consiglia la consultazione del sito dell’Italiensklærerforening: www.it.gymfag.dk

 

---------------------------------------------------------------

AVVENIMENTI

---------------------------------------------------------------

 

L'Italia dei Piccoli

 

Fiabe, canzoni, teatro: anche quella per l'infanzia è una cultura che troverà spazio fra le iniziative dell'Istituto di Cultura a Copenaghen. Al direttore Sergio Scapin è pervenuta la proposta, bene accolta, di creare un'Associazione  "L'Italia dei piccoli" che fornisca una tessera di adesione ai bambini interessati a prenderne parte. Poi, con la partecipazione dei genitori, si raccoglieranno delle idee e si contribuirà a realizzarle con il sostegno dell'IIC. In questo modo si potranno prevedere circa quattro appuntamenti all'anno con alcune letture di fiabe, teatro e canzoni per i piccoli. L'intento è di fornire un veicolo di diffusione e di conoscenza della lingua e dei valori culturali del nostro Paese fra le nuove generazioni degli italiani in Danimarca. Ma anche un'occasione di incontro e di conoscenza fra i bambini figli di italiani, abituati a frequentare solo coetanei danesi. Per ulteriori informazioni e per la raccolta delle adesioni rivolgersi alla promotrice dell'Associazione, la Sig.a Alba Granizio, tel. 40 19 09 10.

 

---------------------------------------------------------------

COMUNICAZIONI

---------------------------------------------------------------

 

Per ulteriori informazioni sugli eventi in programma consultare la pagina web dell'Istituto Italiano di Cultura: "www.iic.dk", che viene costantemente aggiornata.

Si ricorda che il calendario delle iniziative dell'Istituto può essere consultato anche sul telefono cellulare al seguente indirizzo WAP: "http://nyheder.mywap.genie.de/".

 

La quota associativa annuale dell'Istituto Italiano di Cultura è di 180 corone (90 corone per gli studenti). Il pagamento si effettua con versamento sul c/c postale n. 655-6930. I soci dell'Istituto godono di svariate facilitazioni, ad esempio l'entrata gratuita o con riduzione a diverse manifestazioni.

Programma dell'Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen: settembre - dicembre 2002
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl