POLIZIA PENITENZIARIA : (LiSiAPP) MANNA, il Lazio è in piena emergenza sovraffollamento.

POLIZIA PENITENZIARIA: (LiSiAPP) MANNA, il Lazio è in piena emergenza sovraffollamento.. Maglia nera alla struttura di Latina dove dovrebbe ospitare 86 reclusi, oggi ne piu di 166. mentre in quella di Frosinone da 325 si è passati a 516 piu' del 50% La popolazione detenuta presente attualmente nei 14 istituti penitenziari della Regione sono circa 6.550, oltre 2.200 in più rispetto alla capienza regolamentare.

20/mag/2011 21.37.33 Libero Sindacato Appartenenti Polizia Penitenziari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Maglia nera alla struttura di Latina dove dovrebbe ospitare 86
reclusi, oggi ne piu di 166. mentre in quella di Frosinone da 325 si è
passati a 516 piu’ del 50%

La popolazione detenuta presente attualmente nei 14 istituti
penitenziari della Regione sono circa 6.550, oltre 2.200 in più
rispetto alla capienza regolamentare. A lanciare l'ennesimo grido di
allarme è il Segretario Generale del Libero Sindacato Appartenenti
alla Polizia Penitenziaria Mirko Manna. Le situazioni attualmente più
critiche sono a Latina, dove la popolazione detenuta dovrebbero essere
86 e invece sono quasi il doppi; a Viterbo la capienza regolamentare è
di 444 detenuti, ne sono presenti 720 piu del 50%; a Roma nel carcere
di Rebibbia N.C. troviamo oltre 450 detenuti in più, rispetto la
capienza regolamentare ed a Regina Coeli 400 in più. A Rebibbia
Femminile le donne recluse dovrebbero essere 274, invece sono invece
oltre cento in più, con tutti i problemi pratici che ciò comporta,
anche nella gestione delle recluse madri con i figli da 0 a 3 anni al
seguito. Stessa drammatica sorte per il carcere di Civitavecchia con
oltre 220 detenuti in più e per il carcere di Cassino con 110 detenuti
in più rispetto la capienza regolamentare. Situazione drammatica anche
per l’istituto penitenziario di Frosinone, dove la struttura nata per
ospitare 325 detenuti, vede la presenza di 516. Infine, ancora senza
soluzione il caso, da tempo segnalato dal LiSiAPP, sulla struttura di
Rieti, dove il carcere che potrebbe ospitare oltre 300 detenuti, resta
inesorabilmente sottoutilizzata per la mancanza degli agenti di
polizia penitenziaria necessari per l’apertura di nuovi reparti. Il
nuovo istituto di Rieti da 306 posti è attualmente utilizzato a 1/3
delle sue possibilità, con 120 reclusi ospitati nelle sole due sezioni
aperte da 78 posti disponibili e dunque sovraffollate. La Casa
circondariale di Rieti, che si estende su 60.000 metri quadrati, ha le
carte in regola per essere un istituto all'avanguardia visti gli spazi
destinati ad accogliere detenuti comuni e di alta sicurezza, e
attività formative e trattamentali. Oggi sono in funzione due sezioni
nel solo dei due padiglioni detentivi aperti. I reclusi sono così
stipati in celle singole o doppie, comprese le sei di isolamento.
«Sovraffollamento, carenze di organico e cronica penuria di risorse -
ha sottolineato il Segretario Generale Manna - stanno pian piano
portando l'intero sistema penitenziario al totale collasso».


f.to
Ufficio stampa LiSiAPP
--
**
*
---------------------------------------------------------------------------------------------------
*

*Li.Si.A.P.P.*
*LIBERO SINDACATO APPARTENENTI POLIZIA PENITENZIARIA*
*SEGRETERIA GENERALE *
*Segreteria Organizzativa - Ufficio Stampa e Web *
*via della trasfigurazione 5 - 00165 ROMA*
*Tel/Fax 06/58203648 - **info@lisiapp.it* * - **
www.lisiapp.it* *
**segreteria.generale@lisiapp.it*

------------------------------------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl