CARCER POLIZIA PENITENZIARIA, (LiSiAPP) Ennesima aggressione al personale , un situazione a limite per una società civile

"Il libero sindacato appartenenti alla polizia penitenziaria dice basta con questa violenza ai danni dei poliziotti penitenziari" C'è grande preoccupazione dopo l'ennesima grave aggressione ad un un Sovrintendente di polizia penitenziaria nel carcere di Livorno.

Luoghi Italy, United States of America, Leghorn
Argomenti music

30/mag/2011 13.06.52 Libero Sindacato Appartenenti Polizia Penitenziari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
"Il libero sindacato appartenenti alla polizia penitenziaria dice basta con questa violenza ai danni dei poliziotti penitenziari"
 

C'è grande preoccupazione dopo l'ennesima grave aggressione ad un un Sovrintendente di polizia penitenziaria nel carcere di Livorno. E’  quanto afferma una nota della Segreteria Generale del LiSiAPP Libero sindacato appartenenti alla polizia penitenziaria, che ha chiesto misure "veramente" punitive per i detenuti che in negli istituti penitenziari aggrediscono gli agenti o provocano risse così da fermare questa continua ed ingiustificata violenza a danno dei rappresentati dello Stato. L'episodio è gravissimo ed inaccettabile continua la nota del LiSiAPP , tanto che il sottufficiale di polizia ha riportato gravi ferite sul corpo in più si tratta dell'ennesimo grave episodio di tensione a danno di appartenenti alla polizia penitenziaria in un carcere italiano. Ora Basta! Bisogna contrastare con fermezza questa ingiustificata violenza in danno dei rappresentati dello Stato in carcere e punire con pene esemplari chi li commette. Servono, affermano dalla Segreteria Generale provvedimenti veramente punitivi per i detenuti che in carcere aggrediscono gli agenti o provocano risse: mi riferiscono alla necessità di introdurre un efficace isolamento giudiziario ed una esclusione dalle attività in comune che punisca i comportamenti violenti. E sarebbe anche l'ora che in Italia, in analogia a quanto avviene ad esempio in America, i detenuti indossassero in carcere tutti una divisa e si potesse eventualmente contenerli anche nelle sezioni detentive con manette e catene. In una situazione di emergenza, come è quella attuale, servono provvedimenti straordinari.

Nell’ultimo mese, sono cinque gli episodi di aggressione al personale con alcuni di essi come l’ultimo caso molto grave. Nonostante ciò i nostri agenti sottolineano dal LiSiAPP  lavorano ogni giorno, nel silenzio e tra mille difficoltà ma con professionalità, umanità, competenza e passione nel dramma delle sezioni detentive degli istituti penitenziari italiani. A questo si aggiungono numerosi episodi di tentativi di suicidio e atti di autolesionismo dei detenuti sventati dal personale di polizia .

Infine conclude la nota servono con urgenza nuovi agenti, nuovi impegni e una concreta presa di posizione da parte delle istituzioni. Servono fatti reali, altrimenti il sistema implode su se stesso e a pagare sono gli operatori di polizia penitenziaria sempre e unici in prima linea!



--
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Li.Si.A.P.P.
LIBERO SINDACATO APPARTENENTI POLIZIA PENITENZIARIA
SEGRETERIA GENERALE
Segreteria Organizzativa - Ufficio Stampa e Web
via della trasfigurazione 5 - 00165 ROMA
Tel/Fax 06/58203648 - info@lisiapp.it - www.lisiapp.it  segreteria.generale@lisiapp.it
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl