CARCER MANNA (LiSiAPP) 69.000 detenuti, "emergenza umanitaria tutta italiana"

Allegati

06/apr/2011 19.17.51 Libero Sindacato Appartenenti Polizia Penitenziari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


"Mentre in tutta Europa ci si interroga sulle criticità del sistema

penitenziario e si adottano misure contro il sovraffollamento in qualche caso anche risolvendolo, l'Italia si distingue per un’assenza totale di progettualità.

Come non rammentare che nel bel paese si continui a far uso di propaganda a seguito del piano carceri con l'illustrazione dei 'tre pilastri' (edilizia penitenziaria, deflazione delle presenze in carcere, assunzione del personale di polizia penitenziaria)". A dirlo in una nota è Mirko Manna,Segretario Generale del LiSiAPP il Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria.

 

"In questi mesi - osserva il Segretario Generale LiSiAPP - mentre in carcere si

continua a morire e si rischiano rivolte ed evasioni, è calato il silenzio: niente sul piano dell'edilizia, che richiede circa 1,5

miliardi di euro di investimenti, il ddl Alfano sta producendo effetti modesti sul contenimento delle presenze, lo sblocco delle assunzioni di circa 500 agenti provenienti dalle forze armate è ancora poco malgrado si sconti una carenza di 6.000 poliziotti, cui si aggiungeranno almeno 2.500 circa pensionamenti nei prossimi 3 anni".

 

"Non servono - osserva poi Manna - le visite in carcere dei

parlamentari, ridotte a operazioni d'immagine, né disposizioni tampone.

Occorre un piano complessivo di intervento in grado di incidere sulla drammatica situazione delle carceri e l'avvio di una discussione parlamentare. Ma soprattutto occorrono investimenti, senza i quali ogni discussione si riduce a vile speculazione".

 

Circa 68.000 detenuti, a fronte di 45.000 posti disponibili, "rendono assai complessa, e in qualche caso precaria, la sicurezza e la vita negli istituti di pena, l’incolumità del personale e delle persone ristrette, come dimostrano le numerose risse, le aggressioni ai danni di poliziotti, i suicidi, i tentativi di fuga sventati solo grazie alla professionalità del personale di polizia penitenziaria".

 

Infine un appello al presidente Napolitano per il rispetto dell’art. 27 della Costituzione: "Confidiamo nella sua sensibilità istituzionale e personale affinché solleciti l’apertura di un una discussione parlamentare risolutiva. Siamo all'emergenza umanitaria e su questo terreno la politica dovrebbe mostrare serietà e capacità di azione.

Finora solo parole e promesse dal sapore sempre più amaro".

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl