Carceri Campane: Manna Lisiapp, una emergenza cronica

Mirko Manna, segretario generale del LiSiAPP il Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria.

Persone Mirko Manna
Luoghi Campania, Santa Maria Capua Vetere, Eboli
Argomenti linguistics, industry

19/giu/2011 14.12.30 Libero Sindacato Appartenenti Polizia Penitenziari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

"E’ una denuncia del libero sindacato appartenenti alla polizia penitenziaria" 

Nelle strutture penitenziarie della Campania ci sono al momento circa 7.950 detenuti (a fronte di una ricettività massima consentita pari a 5506, per un indice di sovraffollamento pari al 52%. L’ennesimo grido di allarme e del Dott. Mirko Manna, segretario generale del LiSiAPP il Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria. "Fatte salve alcune realtà come quella Vallo della Lucania, Eboli e Lauro, che poco potrebbero incidere sui grandi numeri, tutte le altre realtà sono in grande emergenza. Credo afferma Manna che Santa Maria Capua Vetere sia la situazione più complessa, e per certi versi anche la più pericolosa del panorama penitenziario regionale. Non è solo il grave sovrappopolamento a porre il carcere sammaritano nella black list delle criicità penitenziarie nazionali. "E' soprattutto - aggiunge il Segr. Gen. LiSiAPP - la presenza di molti detenuti appartenenti al crimine organizzata, la gravissima deficienza organica del personale di polizia ed amministrativo e le numerose spettanze in ordine di straordinario e missioni non pagato al personale del nucleo traduzioni da parte della direzione della struttura penitenziaria. Proprio a quest’ultima situazione la nostra Organizzazione sindacale unitamente alla prima O.S. del corpo, ci siamo attivati in modo da investire della problematica anche il TAR presentando un ricorso contro questo ennesimo taglio dei diritti di tutti i poliziotti penitenziari. Lo abbiamo fatto sottolinea Manna nel modo meno speculativo in ordine di pubblicità proprio per dare un segno tangibile e di serietà di saper fare sindacato.  Inoltre , purtroppo siamo alla quasi paralisi ed è bene che l'Amministrazione metta in campo iniziative concrete, prima che Santa Maria Capua Vetere assurga nuovamente alle cronache nazionali per quello che potrebbe capitare in quel istituto. Anche sul fronte del personale il Libero Sindacato Appartenenti alla Polizia Penitenziaria LiSiAPP non manca di riportare una situazione al limite del gestibile "Confermando che l' emergenza più acuta su questo fronte è a Santa Maria Capua Vetere, non possiamo ignorare come la situazione complessiva non possa certamente generare ottimismo. Il contingente regionale è fissato in 4.838 unità, ma ne sono presenti 4523. Bisogna, tra l'altro, tenere conto che le 119 unità di Sant'Angelo dei Lombardi non figurano ancora tra gli organici ufficiali e che circa 230 unità sono impiegate in strutture non operative. Questo rende ancora più pesante il passivo e contribuisce ad aggravare le già non facili condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari della Campania", conclude Manna.

 f.to
Dr.Luca Frongia
Ufficio stampa e comunicazione


--
 
---------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Li.Si.A.P.P.
LIBERO SINDACATO APPARTENENTI POLIZIA PENITENZIARIA
SEGRETERIA GENERALE
Segreteria Organizzativa - Ufficio Stampa e Web
via della trasfigurazione 5 - 00165 ROMA
Tel/Fax 06/58203648 - info@lisiapp.it - www.lisiapp.it  segreteria.generale@lisiapp.it
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl