La dieta del sondino e la proposta del ministro Fazio

06/lug/2011 11.40.07 Carlotta Tinti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nel mercato delle strategie alimentari, oltre alle classiche diete metaboliche, diete mediterranee, la dieta a zona e così via, ora si è arrivata a far numero anche la dieta del sondino. Questa consiste nella somministrazione, attraverso un sondino naso gastrico, di una soluzione di 30 grammi di elettroliti e 40 grammi di aminoacidi . ogni ciclo di cura dura dieci giorni, e in questo periodo il sondino non va mai rimosso. Il sondino viene alimentato da una piccola pompa portatile. Il protocollo di questa nuova tecnica alimentare prevede l’ aggiunta di farmaci, integratori, vitamine e sali minerali. Alcuni esperti hanno definito questa dieta un “digiuno con poche proteine”. Il risultato che si ottiene sottoponendosi a tale trattamento è la perdita di massa magra.

Il ministro della Sanità, Ferruccio Fazio ha sottoposto la dieta del sondino all’attenzione del Comitato di presidenza del Consiglio, il quale renderà pubblico il suo parere entro la fine dell’estate. Questa richiesta è stata effettuata in quanto troppi dubbi e troppe incertezze ruotano ancora attorno alla dieta del sondino, nonostante sia un fenomeno in assoluta ascesa. Molte sono anche le polemiche che ruotano intorno a tale argomento soprattutto perché molti medici hanno deciso di applicare il sondino senza essere padroni della necessaria esperienza.

La proposta del ministro Fazio è stata effettuata con l’intento di proteggere i pazienti che decidono di sottoporsi a tale terapia, per permettergli risultati sicuri e certi, senza il rischio di incappare in effetti collaterali o danni fisici gravi.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl