Bardoscia ( Assotutela.net): “ Ritirare con urgenza gli ultimi provvedimenti inseriti nella manovra”

Bardoscia (Assotutela.net): " Ritirare con urgenza gli ultimi provvedimenti inseriti nella manovra".

Persone Pietro Bardoscia Segretario Nazionale, Pietro Bardoscia
Argomenti diritto, politica, lavoro, economia, legislazione

07/set/2011 16.44.57 Dr. Pietro Bardoscia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Governo ha ancora del tempo per ritirare dalla manovra gli ultimi, “irritanti”, provvedimenti che vanno dall’aumento dell’IVA dal 20 al 21% , all’art. 8 sino all’accelerazione dell'equiparazione dell'età per il pensionamento delle donne. 

Ad affermarlo è il Segretario Nazionale dell’Associazione Assotutela.net Pietro Bardoscia.

 

Con l’aumento dell’IVA, dove abbiamo dimostrato con un sondaggio che circa l’83% degli Italiani non la vogliono, si genererà una riduzione dei consumi a seguito della diminuzione del potere di acquisto dei cittadini con la ovvia conseguenza di ripercussioni anche nel settore  produttivo;  potevamo accettare questa ipotesi se in cambio si fosse previsto un abbassamento di alcuni punti percentuali dell’Irpef per riequilibrare le uscite, ma ciò non è stato neanche menzionato.

 

In merito all’Art. 8 – prosegue Bardoscia - previsto nella manovra, nel quale le intese sottoscritte a livello aziendale o territoriale possono derogare ai contratti e alle leggi nazionali sul lavoro, incluso lo Statuto dei Lavoratori e alle relative norme, comprese quelle sui licenziamenti, a nostro avviso attribuisce eccessivi poteri ai delegati aziendali che, seppur molto capaci e professionali, sono maggiormente condizionati dal proprio datore di lavoro oltre a creare una eccessiva disparità tra le imprese dove il sindacato e' forte e quelle dove e' debole o assente.

 

Infine riteniamo opportuno ritirare dalla manovra la parte relativa alle pensioni dove è stato previsto l’anticipo  al 2014 dell’aumento graduale dell’età pensionabile al femminile; su questo tema è necessario un confronto con tutte le parti sociali e con l’opposizione evitando accelerazioni inutili, solo per  far cassa.  Al limite, per esigenze di cassa, si poteva prevedere un taglio delle pensioni troppo alte, a partire da quelle dei Parlamentari e Consiglieri Regionali, attuando una redistribuzione del reddito a favore dei ceti deboli investendo queste nuove entrate sul sociale e a sostegno delle giovani coppie o famiglie con figli.

 

Ufficio Stampa Assotutela.net

 

Per Info Rivolgersi a :

 

Pietro Bardoscia

Segretario Nazionale Assotutela.net

Cell.346/6948121

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl