ETERNIT: DI STANISLAO (IDV), BONIFICARE EX FORNACE CORVAIA DI ORICOLA (AQ)

02/nov/2011 17.26.48 Virgilio E. Conti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Mercoledì 02 Novembre 2011 11:07

ETERNIT: DI STANISLAO (IDV), BONIFICARE EX FORNACE CORVAIA DI ORICOLA (AQ)

Articolo originale pubblicato su AgenParl – Agenzia Parlamentare:

http://www.agenparl.it/articoli/news/politica/20111102-eternit-di-stanislao-idv-bonificare-ex-fornace-corvaia-di-oricola-aq

Scritto da  sdb

(AGENPARL) – Roma, 02 nov – L'amianto rimane uno dei killer della nostra epoca, soprattutto nelle zone dove si concentrano vecchie fabbriche. Ultimamente, grazie ad un'informazione più completa e puntuale sui rischi per la salute che l'eternit, materiale molto usato per i rivestimenti fino agli anni '90, cagiona alla salute pubblica. Le sue particelle molto leggere infatti si disperdono facilmente nell'aria colpendo il sistema respiratorio con danni gravi che si manifestano anche a distanza di anni. A raccogliere uno dei casi che affliggono la nostra penisola post – industriale è l'on. Augusto Di Stanislao che in un'interrogazione al Ministro della Salute e al Ministro dell'Ambiente racconta che sono state inviate alle istituzioni competenti una serie di denunce da parte dei cittadini riguardanti il pericolo per la salute pubblica e l'ambiente determinato dalla severa e continuata esposizione all'amianto aerodisperso presso il sito ex fornace Corvaia di Oricola (L'Aquila). Il sito in questione è un fatiscente capannone di 10.000 metri quadrati, pericoloso per presenza di amianto e altri rifiuti pericolosi. Secondo gli esami condotti da ASL di Avezzano-Sulmona e ARTA Abruzzo, nel sito sono presenti ingenti quantità di sostanze pericolose per la salute. La costruzione fatiscente inoltre si troverebbe in prossimità dei pozzi d'acqua delle abitazioni, di un corso d'acqua naturale, di un depuratore, con un laghetto di pesca sportiva e con le cittadine vicine, mettendone a serio rischio la salubrità.

A questo proposito Di Stanislao chiede che sia immediatemente messo in atto quanto già disposto da ARTA e ASL, ordinato dal comune di Oricola, sollecitato dalla protezione civile di Roma, dalla regione Abruzzo, dalla provincia e dalla prefettura dell'Aquila e, da ultimo, intimato dalla procura di Avezzano. Il deputato Idv tiene a precisare che in casi come questi l'obiettivo principale è senza dubbio la protezione dei cittadini che vivono nelle vicinanze, la tutela della loro salute e dell'ambiente circostante.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl