IMPRESAMIA.IT-SANITA' - Rischio di chiusura per le croci verdi

28/lug/2009 18.46.42 IMPRESAMIA.IT Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

A breve sarà vietato l'uso del termine parafarmacia e della croce verde

SANITA' - Rischio di chiusura per le croci verdi

Il testo del decreto legislativo all’esame del preconsiglio dei ministri in attuazione della delega sui nuovi servizi da erogare in farmacia vuole vietare l’uso del termine “parafarmacia” e della croce verde con cui questi esercizi vengono identificati. La motivazione è quella di evitare confusioni tra i cittadini, in realtà - sostiene in una nota il N Movimento Nazionale Liberi Farmacisti (MNLF) - si tratta dell’ennesimo episodio posto in atto dalla compagine governativa contro una delle liberalizzazioni più gradite dalla maggioranza degli italiani (61%) e realizzata dal precedente Governo.
E' l'ennesimo provvedimento - denuncia il Movimento - dettato dalla lobby dei titolari di farmacia e che arriva dopo i tentativi in Senato di cancellarne la presenza da parte dei disegni di legge Gasparri e Tomassini a cui si sono aggiunti anche alcuni senatori dell'Italia dei Valori, i quali prima presentano un progetto di liberalizzazione ancora più spinto delle lenzuolate di Bersani (S950) e poi, dopo poco più di un anno lo ritirano e si accodano ai voleri corporativi con un disegno "fotocopia" tendente a cancellare le liberalizzazioni (S1627). A questo punto - spiega il MNLF - saremmo costretti a realizzare clamorose manifestazioni di protesta, ci sarà un autunno molto caldo e numerose iniziative sono già in cantiere visto che a nulla sono valsi i richiami a principi costituzionali della libertà d’impresa, a nulla valgono i sacrifici di coloro che hanno investito i propri risparmi in un’impresa che li realizza professionalmente: gli interessi della “casta” dei privilegiati che già gode di una esclusiva ingiustificata sono superiori a quelli dei cittadini che con questa liberalizzazioni hanno scoperto i vantaggi della concorrenza in uno dei settori più chiusi dell’intero sistema professionale italiano. Per questo il Movimento invita ad aderire alla raccolta di firme “Non uccidere le parafarmacie, non uccidere le liberalizzazioni” ed esprimere la propria contrarietà a questi provvedimenti aggiungendo la propria testimonianza nel sito www.firmiamo.it/nonuccidereleparafarmacie e si appella a tutti i cittadini, perché "questo non è solo un problema dei farmacisti che verranno gettati nel lastrico - dichiarano i liberi farmaisti -qui si tratta del livello di libertà economica ed imprenditoriale del Paese con uno strangolamento progressivo della libera iniziativa in favore di monopoli e corporazioni".
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl