DO YOU SPEAK COBAT?

08/ott/2004 19.24.46 Andrea Pietrarota Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



DO YOU SPEAK COBAT?

È in rete www.cobat.net: la versione inglese del sito Internet del Cobat, il Consorzio che tutela l¹ambiente recuperando le batterie al piombo esauste



Searching the Italian Mandatory ConsortiumŠ  
 
Cliccando su www.cobat.it da oggi nella home page del sito del Consorzio Obbligatorio Batterie Esauste si trova una bandierina britannica che fa da collegamento alla sezione in lingua inglese: www.cobat.net, Il sito web del ³Mandatory Consortium for Spent Lead Batteries and Lead Waste² si suddivide nelle seguenti parti:

  • ³About us²: con tutte le informazioni relative all¹istituzione del Consorzio;
  • ³Life of the battery²: con tutto quello che c¹è da sapere sul ciclo di vita della batteria;
  • ³Results²: con tutti i dati sul recupero delle batterie esauste in Italia;
  • ³Integrated Communication²: con le news e le notizie per la stampa estera,
  • ³D.I.Y. (Do it yourself²): la parte rivolta a chi cambia da sé la batteria, contenente le ³Special Campaigns², le iniziative volte al recupero delle quantità residuali di batterie a rischio di dispersione sul territorio in particolare negli ambiti urbani, agricoli e della nautica;
  • ³Pubblications²: ossia tutte le pubblicazioni tradotte in inglese, tra le quali vanno citati gli importanti rapporti ambientali che, a cadenza annuale, contengono anche i confronti internazionali per quanto riguarda i sistemi e i risultati raggiunti nella raccolta e riciclaggio delle batterie esauste.

Inoltre, il sito del Consorzio, per facilitare l¹accesso da tutti i motori di ricerca, avrà anche le indicizzazioni: www.cobat.biz, www.cobat.org  e www.cobt.info.

Un portale per la tutela dell¹ambiente cominciando dal recupero delle batterie esauste    Nella versione italiana il sito del Cobat è un punto di riferimento telematico per tutti gli utenti interessati alla salvaguardia ambientale e per coloro che lavorano e utilizzano le batterie al piombo e desiderano, perciò, acquisire informazioni dettagliate sulla  raccolta e il riciclo.
Le batterie, se eliminate in modo scorretto, si trasformano in potenti agenti d¹inquinamento, se invece vengono raccolte e riutilizzate, forniscono una preziosa fonte di energia alternativa contribuendo sia  alla salvaguardia ambientale che commerciale del nostro paese.

Cos¹è il Cobat    
Il Cobat è stato istituito con l¹articolo 9 quinquies della legge 475/88, poi modificato dall¹art 15 della L. 39/02, ed il suo Statuto approvato con Decreto del Ministero dell¹Ambiente e della Tutela del Territorio del 16 maggio 1990. Il Consorzio ha il compito di assicurare la raccolta delle batterie esauste, organizzarne lo stoccaggio e di monitorare tutte le attività di raccolta, commercializzazione e riciclo di batterie esauste e rifiuti piombosi che emergono sul territorio italiano. Ente senza fini di lucro, al Cobat, partecipano tutti gli operatori del settore batterie al piombo: produttori ed importatori, associazioni degli artigiani che ne effettuano l¹installazione, raccoglitori e riciclatori.

I risultati del Consorzio
Dal 1992, primo anno di sua effettiva operatività, il Cobat ha raccolto e avviato al riciclo quasi due milioni di tonnellate di batterie esauste, pari a circa 166 milioni di pezzi. La raccolta ha permesso di recuperare oltre un milione di tonnellate di metallo piombo, più di 91.000 tonnellate di polipropilene e di neutralizzare 320 milioni di litri di acido solforico.

--
Andrea Pietrarota
__________________________________________________________
HILL & KNOWLTON GAIA s.r.l.
Public Relations -  Social and Environmental Communication
Via Nomentana, 257 - 00161 Roma
tel: + 39 06/4416401 r.a.
d. tel: +39 06/441640327
fax:   +39 06/4404604 - 06/44265063
e-mail: pietrarotaa@hkgaia.com
mobile: +39 335/5640825
p.e-mail: andrea.pietrarota@tin.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl