Contro la disinformazione del Corriere di Caserta

31/ott/2005 14.09.14 UDEUR Casagiove Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
  

  

Comunicato STAMPA DI Antonio Santoro Consigliere comunale UDEUR Casagiove.

www.udeurcasagiove.it

Comunico che da oggi inizierò una campagna contro il grave comportamento del Corriere di Caserta che metterò in evidenza davanti all’ordine dei giornalisti e alle istituzioni ad ogni livello. È il momento di dire basta! È ormai impossibile proseguire nell’ignorare l’uso distorto del suo ruolo da parte del Corriere di Caserta. In occasione dell’ultimo consiglio comunale di Casagiove prosegue imperterrita nei confronti del sottoscritto, dell’UDEUR e di tutto il centrosinistra una campagna di disinformazione studiata ad arte secondo logiche che di giornalismo non hanno assolutamente nulla. Pur non avendo alcun giornalista presente in consiglio comunale questa testata ha pubblicato una ricostruzione dei fatti completamente falsa, lontanissima dal descrivere quello che è realmente accaduto nel civico consesso, frutto evidente della penna dell’addetto stampa del comune di Casagiove, che aveva il solo scopo di portare acqua al mulino del sindaco e di contribuire all’opera di disinformazione che questi sta operando da tempo. Continua una linea editoriale con una grave e strumentale deformazione della realtà attraverso i mezzi della censura completa dei comunicati stampa che inviamo in risposta alle sciocchezze contenute negli interventi del comune di Casagiove (che vengono invece pubblicati con solerzia e in forma integrale) oppure mediante articoli di cronaca politica che non riportano mai in maniera corretta le nostre affermazioni ma ad arte mettono in cattiva luce il nostro operato. La stampa "spazzatura" uccide il futuro ed inquina le coscienze. I mezzi d’informazione in una democrazia hanno un ruolo fondamentale, quando sono corretti ed imparziali e non quando spargono disinformazione e menzogna. Contro un modo d’intendere l’informazione, che in spregio a qualsiasi principio etico, diventa pura disinformazione ed offende le coscienze e le intelligenze dei cittadini, non si può che intervenire con una vigorosa campagna per la libertà di informazione. Eppure, solo poco tempo fa, Il Consiglio dell'ordine dei giornalisti della Campania, in occasione di ben note disavventure giudiziarie, aveva affermato che avrebbe agito “con ferma determinazione affinché nel giornalismo e nelle attività editoriali dell'area casertana venga ripristinato il civile confronto nel pieno rispetto delle regole deontologiche ed etico - morali''. Occorre ricordare, che l’art 2 della Legge n°69/63, nel sancire la libertà d’informazione e di critica afferma che è obbligo inderogabile dei giornalisti “il rispetto della verità sostanziale dei fatti, osservati sempre i doveri imposti dalla lealtà e dalla buona fede”. Contro un modo d’intendere l’informazione, che in spregio a qualsiasi principio etico, diventa pura diffamazione ed offende le coscienze e le intelligenze dei cittadini, chiederemo che l’ordine dei giornalisti, le forze politiche, le autorità istituzionali intervengano per arginare i comportamenti di una stampa senza decoro ed anche per difendere la dignità dei tanti professionisti dell’informazione, che in maniera corretta fanno il loro mestiere.

 

 

Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-webdiffusione. I giornalisti che volessero richiedere altre foto in formato jpeg o contattare per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

Questo comunicato, inviato in Ccn a operatori dell’informazione e a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail di persona, navigando in rete o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: Cancella. Grazie.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl