Quartiere Militare Borbonico

BACKGROUND-POSITION: left top; MARGIN-TOP: 0em; FONT-WEIGHT: normal; FONT-SIZE: 12pt; MARGIN-BOTTOM: 0em; MARGIN-LEFT: 4em; COLOR: #427d64; BACKGROUND-REPEAT: repeat-y; FONT-FAMILY: "Arial"; BACKGROUND-COLOR: #fffffd

30/dic/2005 07.24.29 UDEUR Casagiove Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 
 
 

 

  

Comunicato STAMPA DI Antonio Santoro Consigliere comunale UDEUR Casagiove.

www.udeurcasagiove.it

Riconfermiamo il nostro sbigottimento per la mancanza di prospettive strategiche presenti nelle esternazioni del sindaco Melone a proposito dei destini del Quartiere Militare Borbonico, uno sbigottimento che in verità proviamo anche per tutti gli altri aspetti della sua azione amministrativa, urbanistica in primis. A voler utilizzare come parametro di giudizio le enormi sciocchezze che abbiamo sentito in questi giorni solo i limiti della fantasia possono impedire di fare un elenco ipertrofico di possibili destinazioni per la ex caserma De Martino: potremmo farne una sede dell’ONU, certamente manca nella nostra provincia e certamente darebbe lustro alla città. Potremmo farne una sede di un’accademia di arte drammatica: certamente tutti i casagiovesi ne sentono la mancanza. Potremmo farne una pista di pattinaggio acrobatico: certamente sarebbe un favoloso volano di aggregazione. Ci fermiamo qua per amore dei. Il vero problema è che questa città aspetta da tempo ormai una guida che abbia un disegno strategico in testa. Tutti, dai ceti emarginati alla borghesia illuminata della città aspettano un rinnovamento del ceto politico che abbia un serio progetto di rilancio e che sappia dare la giusta valorizzazione alle poche risorse di cui disponiamo. La città si è resa ormai conto che non si può ripetere l’errore di affidarne le sorti a chi è troppo concentrato sul suo particulare.  Il quartiere Militare Borbonico è un’occasione troppo importante, un possibile generatore di risorse e sviluppo del territorio, un possibile incubatore di realtà volano di progresso e sviluppo per tutta la città e per tutta la conurbazione casertana troppo prezioso per farne occasione di campagne elettorali da festival dello sciocchezzaio. La città merita rispetto e ha diritto ad amministratori alla sua altezza.  

 

Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-webdiffusione. I giornalisti che volessero richiedere altre foto in formato jpeg o contattare per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

Questo comunicato, inviato in Ccn a operatori dell’informazione e a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail di persona, navigando in rete o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: Cancella. Grazie.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl