L'amministrazione del berlusconiano Melone non si dimostra un orco soltanto per i bambini facendoli giocare nello smog, ma anche per i poveri tartassati contribuenti.

07/gen/2006 05.47.47 UDEUR Casagiove Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
 

Comunicato STAMPA DI Antonio Santoro Consigliere comunale UDEUR Casagiove.

www.udeurcasagiove.it

L’amministrazione del berlusconiano Melone non si dimostra un orco soltanto per i bambini facendoli giocare nello smog, ma anche per i poveri tartassati contribuenti. Con gli auguri di prammatica mediante manifesto comunale, l’amministrazione azzurra di Casagiove, novello Babbo Natale o Befana, ha allietato tutti noi contribuenti con una valanga di avvisi di liquidazione per omesso/parziale versamento dell’ICI per l’anno 2003. Naturalmente questa gigantesca caccia all’evasore, posta in essere con titanica efficienza dagli uffici diretti politicamente dal Berlusconi da Casagiove, nella sua ciclopica battaglia per il rispetto del patto di stabilità, deriva dal solito disguido con l’Ente poste. Resta l’amaro in bocca nel constatare che, come al solito, le vittime di queste forme di persecuzione estremamente moleste siamo noi cittadini che paghiamo regolarmente le tasse. Questi sono forse i frutti del tanto decantato impegno meloniano-berlusconiano per il recupero dell’evasione fiscale? Nella enorme produzione partorita dalla immaginifica mente dell’ufficio stampa, che funge da misera Mediaset del nostro Silvio locale abbiamo letto continuamente degli interventi coraggiosissimi e decisivi presso altre amministrazioni effettuati dal primo cittadino trasformatosi per la bisogna da sindaco Melone in re Riccardo Cuor di Leone, per difendere i poveri casagiovesi. Perché non è andato a prendere a calci i responsabili dell’Ente Poste invece di rompere… il nostro incanto festivo  con i suoi doni natalizi? Ammettendo la necessità di verificare i dati in possesso del comune, perché non ha inviato una missiva diversa per tenore e modi con il rispetto dovuto a noi contribuenti che lavoriamo per pagargli lo stipendio? Perché non ha spiegato la sua difficoltà chiedendo con gentilezza la nostra collaborazione, invece di inviare questa fiumana di lettere intimidatorie che ci bollano come presunti evasori? Lettere scritte fra l’altro, nel solito burocratichese del cavolo, per cui bisogna sorbirsi tonnellate di sciocchezze prima di giungere alla fine della lettera per sapere qual è il nucleo del problema. Anche in questo caso dimostrando scarsissimo rispetto per tutti quei cittadini che, per anzianità o quant’altro non sono in grado di navigare in questi tipi di documenti e si devono rivolgere allarmati all’esperto di turno per comprendere cosa si chiede loro.   

 

Con preghiera di cortese pubblicazione e radio-tele-webdiffusione. I giornalisti che volessero richiedere altre foto in formato jpeg o contattare per ogni altra informazione possono rispondere a questa e-mail.

 

Questo comunicato, inviato in Ccn a operatori dell’informazione e a una lista di destinatari, non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate siano oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre più sincere scuse se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 abbiamo reperito la Sua e-mail di persona, navigando in rete o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni, La preghiamo di inviare una risposta con oggetto: Cancella. Grazie.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl