Il “Friulano” conquista Vienna: oltre 300 giornalisti e wine-makers allo speciale evento dedicato al vino promosso da Ersa

02/dic/2010 17.43.56 Seltz Pr Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Un pubblico selezionato di oltre 300 persone tra giornalisti, esperti del settore e intenditori hanno animato lo speciale evento dedicato al vino, svoltosi a Vienna nei giorni scorsi presso il prestigioso Palais Coburg, durante il quale una selezione di ben 46 aziende vitivinicole del Friuli Venezia Giulia hanno promosso le proprie eccellenze. Organizzata da ERSA, l’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale, in collaborazione con i sette Consorzi di tutela delle zone DOC, la kermesse ha visto la partecipazione di Ian D’Agata, considerato tra i massimi esperti internazionali di vino italiano, responsabile per l’Italia e Bordeaux dell’International Wine Cellar, Regional Co-chair di Decanter World Wine Awards e co-autore della guida ai Migliori Vini d’Italia.

È stata una giornata davvero coinvolgente di promozione del vino Friulano oltralpe, un importante momento di incontro e di scambio tra wine-makers e appassionati di vino suggellato dalle presenze illustri di Walter Kutscher, Vice Presidente dell’Associazione dei sommelier professionisti di Vienna e di alcuni tra i più importanti giornalisti austriaci tra i quali Christian Bauer di Wein & Markt, Luzia Schrampf di Der Standard e Alexander Magrutsch, caporedattore di Wein.pur che mi hanno affiancato con grande entusiasmo nella conduzione delle degustazioni” ha commentato con soddisfazione D'Agata a fine serata.

Con questo appuntamento, abbiamo voluto porre l'attenzione su quanto alto sia il livello dell'enologia friulana nel panorama internazionale. L' incontro è servito per contribuire a fare conoscere ed apprezzare agli esperti del settore la grande qualità dei migliori vini della nostra regione. La prima ricaduta concreta dell’evento sarà l’organizzazione di un corso dedicato ai vini della regione Friuli Venezia Giulia condotto dall’Associazione dei sommelier austriaci professionisti che si concluderà con una visita tecnica ad alcune realtà rappresentative del panorama vitivinicolo regionale” ha puntualizzato la delegazione dell'ERSA presente all'evento.

La suggestiva location, sede di una delle dieci più importanti collezioni enologiche private del mondo, ha accolto operatori, importatori, distributori e appassionati di vino per partecipare a due degustazioni guidate seguite da tavola rotonda. La prima si è svolta sul confronto tra “Friulano e Sauvignon Blanc del Friuli Venezia Giulia” con la presentazione di otto vini del Friuli Venezia Giulia, di cui quattro Friulano e quattro Sauvignon Blanc e l’inserimento di un Sauvignon Blanc austriaco. A seguire un secondo incontro sul tema “Il panorama dei vini del Friuli Venezia Giulia”, nel corso del quale sono stati proposti otto vini regionali autoctoni tra i quali Pinot Bianco, Pinot Grigio, Ribolla Gialla, Refosco, Pignolo, Schioppettino, Picolit e Verduzzo. Per tutto il pomeriggio inoltre, all’interno di un ampio spazio ricavato nelle antiche mura della città, è stato possibile accedere in modo libero ai banchi d'assaggio gestiti personalmente dai produttori vitivinicoli presenti.

L’offerta dell’evento è stata completata dalla possibilità di degustare quei prodotti dell’agroalimentare regionale che, per il fatto di essere ottenuti all’interno dei confini regionali, sono riuniti sotto il marchio del Tipicamente Friulano tra cui il prosciutto di San Daniele, il formaggio Montasio, la trota friulana, i cereali e trasformati de La Blave di Mortean, l’olio extra vergine di oliva Tergeste, la brovada, il Figo moro da Caneva, il pesce delle valli lagunari e alcuni prodotti derivati dalla tradizione friulana, anche descritti nell’atlante del Nuovo Cibario. www.ersa.fvg.it

 

 

Elena Cappellari

Seltz Pr

 

 


 

 


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl