A.O. San Camillo/Forlanini: “Intervista al Dott. Cannistrà sulla malattia Diverticolare”

25/set/2011 14.54.46 Dr. Pietro Bardoscia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dottore, lei è uno dei migliori specialisti di Chirurgia Endoscopica ed esercita presso l’Azienda Ospedaliera del San Camillo/Forlanini. Ci può accennare cosa comporta trattare questa malattia “ a demand ”?

 

La raccolta casistica di circa 150 casi negli ultimi 5 anni pervenuti all’osservazione Endoscopica dopo sintomatologia: dolori addominali, gonfiore addominale, alvo irregolare, rettorragia, ha dimostrato che la malattia, frequentemente misconosciuta, viene trattata “a demand”; tale esperienza ha permesso di individuare, oltre alla sintomatologia più o meno completa, i pazienti con “Stenosi Colica”, che devono essere operati prima di complicanze maggiori.

 

Il percorso Diagnostico – Terapeutico cosa prevede?

 

Prevede:

·         Colonscopia: per l’individuazione di tratto stenotico ,  sintomatologia dolorosa;

·         Colonscopia Virtuale: Conferma del tratto stenotico, della rigidità del lume dell’assenza di altre lesioni come neoplasie e amonte;

·         Intervento in VLS: Reserzione del tratto stenotico e riconfezionamento della continuità colica.

 

Tale percorso ha prodotto effetti positivi sulla salute del paziente?

 

Certamente, evitando il progredire della sintomatologia e degli effetti della stenosi, sino ai più gravi quadri, migliorando la qualità della vita e riducendo tra l’altro:

·         Rischio Operatorio;

·         Giorni di Degenza;

·         Periodo di Invalidità Lavorativa

 

Pietro Bardoscia

Caporedattore Nazionale del Quotidiano Telematico Vento Nuovo.eu

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl