PIANO CASA - BRACCIANO ESCLUSIONE ZONE DA APPLICAZIONE

Gentile redazione, si invia in allegato la nota informativa in oggetto con cortese preghiera di pubblicazione Cordiali saluti, "Fuori dal Comune" ----------------------------------------------- NOTA INFORMATIVA Piano Casa: il Consiglio Comunale di Bracciano esclude alcune zone dal campo di applicazione Disposta inoltre la riduzione del 30 per cento degli oneri concessori Esclusione di alcune zone dal campo di applicazione e riduzione degli oneri concessori del 30 per cento.

Persone Maurizio Capparella, Giancarlo Galan, Giuliano Sala
Luoghi A2, A1, Parco Bracciano, Lazio, Bracciano, Martignano, provincia di Roma
Organizzazioni Corte Costituzionale
Argomenti diritto, urbanistica, politica, legislazione

27/ott/2011 16.42.24 Fuori dal Comune - periodico di informazione del C Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Gentile redazione,
si invia in allegato la nota informativa in oggetto con cortese preghiera di
pubblicazione

Cordiali saluti,
"Fuori dal Comune"

-----------------------------------------------

NOTA INFORMATIVA

Piano Casa: il Consiglio Comunale di Bracciano esclude alcune zone dal campo
di applicazione

Disposta inoltre la riduzione del 30 per cento degli oneri concessori

Esclusione di alcune zone dal campo di applicazione e riduzione degli oneri
concessori del 30 per cento. E’ quanto è stato disposto dal Consiglio
comunale in relazione al cosiddetto Piano Casa della Regione Lazio con
l’approvazione, nel corso della seduta del 25 ottobre scorso, di un
pacchetto di delibere.
Il Piano Casa Lazio all’articolo 2 prevede che i Comuni entro il termine del
31 gennaio 2012 possono individuare ambiti del proprio strumento urbanistico
ovvero immobili nei quali, in ragione di particolari qualità di carattere
storico, artistico ed architettonico, limitare o escludere gli interventi
previsti”.
Il Consiglio comunale ha pertanto deliberato (con l’astensione della
minoranza) di escludere dall’applicazione del Piano Casa tutte le zone A1 e
A2 del vigente Piano Regolatore Generale (2009), ovvero l’intero centro
urbano di Bracciano (delimitato tra la ferrovia e il centro storico), Vigna
Grande e il Borgo di Vicarello in quanto zone individuate dal Piano
Territoriale Paesistico Territoriale.
Il Consiglio comunale di Bracciano ha inoltre escluso dal campo di
applicazione del Piano Casa gli edifici pubblici e privati ricadenti nel
territorio comunale classificati come beni culturali e come tali vincolati.
Inoltre si è dato atto che “altre zone da tutelare come Vigna Orsini, Bagni
di Vicarello San Liberato e alcuni edifici rurali antichi sono già esclusi
dall’ambito di applicazione della legge perché individuate nel Piano
Territoriale Paesistico regionale, come insediamenti urbani storici o posti
in zona A - di tutela integrale - del Parco Bracciano-Martignano o in quanto
complessi rurali realizzati prima del 1930”.
“Pur ritenendo il Piano Casa un provvedimento che può determinare un impatto
devastante per il territorio - sottolinea il sindaco Giuliano Sala -
dobbiamo prendere atto che si tratta di una legge che come tale abbiamo
l’obbligo di rispettare. Considerato che dall’entrata in vigore del Piano
Casa avvenuta il 27 agosto 2011 già sono state avanzate richieste di
interventi urbanistici in relazione alla nuova normativa, con questo
pacchetto di delibere, abbiamo voluto specificare dove esso non potrà essere
applicato ponendo dei paletti agli effetti che il provvedimento potrà avere.
Abbiamo ritenuto opportuno - dice ancora Sala - fissare queste esclusioni
pur in presenza dell’impugnativa del 25 ottobre del Piano Casa Lazio da
parte del ministro per i Beni Culturali Giancarlo Galan in relazione a
quella parte del provvedimento che introduce deroghe al piano paesaggistico,
in zone archeologiche e condoni in aree vincolate e che pertanto deferisce
la questione alla Corte Costituzionale”.
A Bracciano non si potrà quindi applicare il Piano Casa indiscriminatamente
ma, laddove si potrà fare, l’intervento costerà meno.
“Prendendo atto del periodo di crisi economica in atto - spiega Maurizio
Capparella, assessore all’Urbanistica - si è ritenuto opportuno prescrivere
una riduzione del 30 per cento degli oneri riguardanti il costo di
costruzione del manufatto e l’urbanizzazione primaria e secondaria”.

Bracciano, 27 ottobre 2011

----------------------------------------------------

"Fuori dal Comune" - Periodico di Informazione del Comune di Bracciano

Piazza IV Novembre, 6 00062 Bracciano (Rm)
fuoridalcomune@comune.bracciano.rm.it
www.comune.bracciano.rm.it




__________ Informazioni da ESET NOD32 Antivirus, versione del database delle
firme digitali 6578 (20111027) __________

Il messaggio è stato controllato da ESET NOD32 Antivirus.

www.nod32.it


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl