HIV: TROPPE DONNE SCOPRONO TARDI DI ESSERE SIEROPOSITIVE

30/nov/2011 11.19.17 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Roma, 30 novembre 2011 – Quasi il 40% delle donne HIV positive scopre tardi di essere stato colpito dal virus, spesso quando l’AIDS è già in fase conclamata. È il fenomeno dei cosiddetti “late presenter” (persone che giungono tardivamente alla diagnosi), in crescita e particolarmente preoccupante. Inoltre le donne presentano condizioni biologiche che le rendono più esposte al virus: sono due volte più a rischio di contagio in un rapporto non protetto rispetto all’uomo. Da qui l’importanza della diagnosi precoce, anche rendendo più facile l’accesso al test. I “late presenter” da un lato traggono minori benefici dalle terapie antiretrovirali perché il loro sistema immunitario è già compromesso, dall’altro possono assumere comportamenti a rischio e infettare altre persone senza esserne consapevoli. Paradossalmente l’estrema tutela della privacy e i vincoli burocratici fissati dalla legge n.135 del 1990 (con troppi moduli di consenso informato da compilare) possono rendere “ostico” il test. Il tema “Donne e HIV” è al centro del convegno in programma oggi dalle 16 alle 19 al Senato (Sala Capitolare, Piazza della Minerva 38), alla vigilia della Giornata mondiale contro l’AIDS. “Il 70% delle donne – sottolinea la prof.ssa Antonella d’Arminio Monforte, Direttore della Clinica di Malattie Infettive del San Paolo di Milano - viene infettato da un partner stabile, mentre il 76% dei maschi contrae il virus durante un rapporto occasionale. È quindi l’uomo che normalmente ‘porta’ la malattia all’interno della coppia. Inoltre le donne sono più vulnerabili di fronte al virus: la loro mucosa genitale è più permeabile all’HIV rispetto a quella maschile e gli ormoni femminili, in certe fasi del ciclo, possono favorire l’infezione”. Dopo 30 anni dall’inizio dell’epidemia sono quasi 16 milioni nel mondo le donne affette da HIV, la maggior parte in età fertile. Per queste ultime il virus è diventato la principale causa di malattia e morte. In Europa è in costante aumento il numero di donne colpite: il 35% delle nuove diagnosi riguarda infatti la popolazione femminile. “Ogni anno – afferma la prof.ssa Cristina Mussini, Direttrice della Clinica delle Malattie Infettive del Policlinico di Modena - nel nostro Paese si registrano 4000 nuovi casi di infezione da HIV: 12 ogni giorno, uno ogni due ore. Almeno un terzo riguarda le donne. Ciononostante sono sottorappresentate negli studi clinici. Sono necessari più dati, specialmente di lungo termine, per valutare la risposta al trattamento antiretrovirale nelle pazienti con HIV e migliorare la gestione della malattia. I farmaci utilizzati in terapia sono spesso sperimentati in giovani maschi, pertanto è difficile capire a priori come possano interferire con l’organismo femminile. Vi sono inoltre peculiarità connesse allo stato di sieropositività femminile che vanno dal desiderio di maternità alla scelta del contraccettivo adatto. Ad esempio, poche sanno cosa significa avere un figlio essendo HIV positive e che le attuali terapie antiretrovirali possono proteggere il nascituro”. Le persone che scoprono di avere il virus hanno un’età media di 39 anni (i maschi) e di 35 (le femmine). “I dati del Sistema di Sorveglianza – spiega il prof. Stefano Vella, direttore del Dipartimento del Farmaco dell’Istituto Superiore di Sanità - sottolineano l’urgenza di avviare campagne di sensibilizzazione per incoraggiare l’adozione di comportamenti sessuali sicuri, in particolare tra i giovani e la popolazione femminile, e di effettuare il test HIV di routine alle donne in gravidanza per ridurre il rischio di trasmissione dell’infezione sia attraverso i rapporti sessuali che da madre a bambino”.
“Lo stigma – continua la dott.ssa Rosaria Iardino, presidente onorario di NPS Italia Onlus (Network italiano delle persone sieropositive) - è un fatto culturale, strisciante, che non si manifesta più con comportamenti apertamente di pregiudizio, ma connota tutta la vita delle persone con HIV. Per questo motivo più che parlare di stigma al femminile bisogna considerare che il fatto di essere donna diventa un moltiplicatore culturale del pregiudizio. Il passaggio dell’infezione dal mondo omosessuale a quello eterosessuale è ampiamente dibattuto, invece la crescita del numero di casi nella popolazione femminile è semplicemente un dato statistico. In medicina esistono alcuni aspetti che evidenziano l’esistenza di uno stigma, non manifesto, non urlato, ma non per questo meno pericoloso, a partire dalla minore rappresentatività femminile negli studi clinici. La donna non può essere assimilata all’uomo, come una mera variabile, ma ha una specificità che la sperimentazione è chiamata a tenere in considerazione per promuovere una medicina che riconosca adeguatamente le pari opportunità”. Le stime indicano che in Italia sono attualmente presenti tra 143.000 e 165.000 persone HIV positive, di cui più di 22.000 in AIDS. Negli ultimi 15 anni si è verificata una profonda trasformazione nella gestione della malattia legata all’impatto delle terapie antiretrovirali, che si sono dimostrate più efficaci, più facili da assumere e in grado di controllare meglio il virus nel lungo periodo. “La battaglia contro l’AIDS, non ancora vinta, ha prodotto risultati straordinari in un periodo di tempo relativamente breve, che hanno trasformato la storia naturale della malattia rendendola da rapidamente progressiva e mortale a cronica – afferma il prof. Andrea Antinori, Direttore malattie infettive all’Istituto Lazzaro Spallanzani di Roma -. Oggi l’aspettativa di vita di una persona HIV positiva, che riceva una diagnosi precoce, non abbia patologie associate e sia in giovane età, è comparabile a quella della popolazione sana. Ma non va sottovalutato il problema del ‘sommerso’, della sieropositività inconsapevole, rappresentato dai malati che continuano a infettare senza averne coscienza. Intervenire in maniera attiva per individuarli ha decisivi riflessi sociali”.
L’emergenza rappresentata dal ‘sommerso’ potrebbe essere superata se sottoporsi al test di sieropositività divenisse nel nostro Paese una pratica normale, facilitata il più possibile per raggiungere anche le categorie più fragili. “È un esame che non rileva la presenza del virus ma degli anticorpi che il sistema immunitario produce quando è entrato in contatto con il virus – spiega il prof. Adriano Lazzarin, Direttore della Divisione di Malattie Infettive del San Raffaele di Milano -. Il test si effettua con un normale prelievo di sangue. Bisogna considerare che, se si è avuto un comportamento sessuale a rischio, il test va eseguito. E, se risulta negativo, deve essere ripetuto dopo tre mesi. Inoltre, durante il cosiddetto ‘periodo finestra’, è possibile trasmettere l’infezione pur non risultando positivi all’esame”.
Anche se la popolazione femminile costituisce uno dei gruppi più vulnerabili nei confronti dell’HIV, non vengono stanziate risorse sufficienti per rispondere ai bisogni specifici di queste pazienti. “Per questo è stato attivato ‘SHE’ (Strong, HIV Positive, Empowered Women) – conclude la prof.ssa d’Arminio Monforte, membro del comitato di SHE -, il primo programma educazionale in Europa rivolto alle sfide sempre più grandi che le donne affette da HIV devono affrontare. L’iniziativa si basa sul supporto fornito dalle ‘pari’, cioè da donne nella stessa condizione clinica. Ricerche scientifiche mostrano che le informazioni provenienti dai gruppi di auto-aiuto risultano particolarmente credibili, affidabili e influenti”. Il progetto include l’Italia ed è realizzato con la collaborazione delle associazioni di pazienti.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl