il “New Deal” di Pasqualino Monti per i “Porti di Roma”: finanziamenti diretti per le infrastrutture e rivalutazione del sistema portuale

16/lug/2012 12.38.31 Artsia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La 2 Giorni del Mediterraneo ha offerto spunti interessanti e molte iniziative concrete, dalla nuova Darsena traghetti al via libera all’autostrada tirrenica, dall’ampliamento del porto di Fiumicino alla progettazione del nuovo polo crocieristico Civitavecchia Fiumicino

 

Pasqualino Monti - 2 Giorni Mediterraneo

È un vero e proprio “new deal” nel finanziamento delle grandi infrastrutture, un nuovo modello di sviluppo portuale (ma potrebbe funzionare anche altrove). La 2 giorni del Mediterraneo è stato il palcoscenico ideale per il Presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia Pasqualino Monti per presentare questa rivoluzione economica, ma soprattutto culturale, nel modo di pensare e realizzare infrastrutture portuali. L’azione di Pasqualino Monti ha rapidamente permesso all’Authority di Civitavecchia di conquistare il ruolo di più importante stazione appaltante nel campo della portualità italiana, mettendo a regime una nuova formula che prevede il diretto cofinanziamento da parte dell’Autorità portuale delle opere in grado di produrre, sulla base di un piano finanziario ad hoc, un ritorno economico certo dell’investimento effettuato.

Con un programma di investimenti già esecutivi in nuove infrastrutture portuali per un valore complessivo di oltre 300 milioni di euro, il presidente dell’Autorità portuale di Civitavecchia, Pasqualino Monti, ha illustrato in apertura della manifestazione “La 2 giorni del Mediterraneo”, svoltasi nei giorni scorsi nel porto di Civitavecchia, i dettagli di un piano che prefigura almeno tre obiettivi ad alta valenza strategica non solo per il porto, ma per l’intera area di produzione e consumo (la seconda per importanza in Italia) che comprende la regione Lazio, ma anche le regioni vicine, Umbria e Marche, collocate su un ideale corridoio Tirreno-Adriatico, destinato a spezzare la cronica incomunicabilità fra i due mari.

Il primo obiettivo è quello di replicare nelle merci e nella logistica il “miracolo” compiuto da Civitavecchia nel traffico crocieristico, facendo del porto laziale un hub per container e altre tipologie di merce, mettendo per la prima volta a fattore comune la disponibilità di aree retro portuali per oltre 5 milioni di metri quadri, accosti in acque profonde unici in Italia (22 metri) e quindi capaci di accogliere le navi più grandi oggi in esercizio sulle rotte del traffico container e infrastrutture di collegamento terrestre (ferroviarie e autostradali) che dopo decenni sono uscite dal libro dei sogni: in particolare l’autostrada Tirrenica, ma anche la Orte-Mestre.

Il secondo obiettivo è rappresentato dalla realizzazione del nuovo porto commerciale di Fiumicino (gestito come anche Gaeta dall’AP di Civitavecchia nell’ambito di un network regionale), che diventerà un secondo scalo crocieristico di livello mondiale in grado di sviluppare su quattro accosti un traffico di oltre 1,8 milioni di passeggeri aggiuntivi rispetto ai 2,6 che oggi Civitavecchia (leader in Mediterraneo) accoglie nel suo alveo portuale.

Il terzo quello di fare di Civitavecchia un polo di progettazione di business nel settore delle crociere e delle autostrade del mare.

Alla presenza del vice ministro ai Trasporti, Mario Ciaccia, e della Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, nonché  del Presidente della Camera di commercio di Roma, Giancarlo Cremonesi, Pasqualino Monti ha illustrato anche i contenuti finanziari di un piano da oltre  650 milioni di euro di investimenti.

Un piano caratterizzato sia dal massiccio intervento di capitali privati, sia dalla innovativa forma di cofinanziamento che vede l’Autorità portuale affiancare in modo decisivo i finanziamenti pubblici, attraverso un’attivazione di risorse che saranno generate dalla conquista dei nuovi traffici. 50 milioni di euro dell’Autorità  Portuale nel primo lotto delle opere strategiche del porto di Civitavecchia (la nuova darsena traghetti con 9 accosti per ro-ro e crociere; la darsena servizi ed il prolungamento dell'antemurale) di cui è stata posta la prima pietra questa mattina; 70 nella costruzione del nuovo porto di Fiumicino, senza contare lo sforzo per realizzare nel porto storico di Civitavecchia una delle più suggestive a storicamente affascinanti marina del Mediterraneo.

"Civitavecchia – ha sottolineato Monti – ha tutte le carte in regola per rivendicare un inserimento nel core network dei progetti Ten-t".

La nuova darsena traghetti è stata intitolata a Sant'Egidio. Alla cerimonia è intervenuto anche il presidente della Comunità di Sant'Egidio, Marco Impagliazzo.

Fonte: Trasporti Italia

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl