COLLEFERRO - C.S. EVENTO RIFUGI

08/gen/2014 13.48.24 Comune di Colleferro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comune di Colleferro

Ufficio Stampa

P.zza Italia, 1 - Tel. 06/97.203.235

Colleferro, 8/1/2014

 

C O M U N I C A T O  S T A M P A

 

L’ARTE MODERNA SPOSA IL PASSATO: MOSTRA COLLETTIVA DI PITTURA E SCULTURA CONTEMPORANEA NEI RIFUGI ANTIAEREI

 

L’arte trova casa nei rifugi cittadini, per raccontare, con emozioni e sentimenti di oggi, un passato che fu, proprio in quei luoghi. Dal 25 gennaio al 9 febbraio, quelli che costituirono i rifugi antiaerei della popolazione durante il periodo bellico della seconda guerra mondiale, ospiteranno una mostra davvero singolare dal titolo “Immaginazioni dal sottosuolo. Luci e ombre della memoria”. Diciannove artisti, provenienti da svariate parti d’Italia, sono stati chiamati a realizzare ed esporre un’opera ispirata dalla particolare storia dei rifugi di Colleferro, che hanno appreso documentandosi su testi storici e racconti orali degli stessi colleferrini. “I rifugi sono un importante patrimonio storico della nostra città che vogliamo ulteriormente valorizzare - dice il sindaco Mario Cacciotti, motivando l’origine della mostra -. Già da diversi anni ne abbiamo riattivato l’uso, ristrutturandone una parte per poterla aprire al pubblico, e li utilizziamo sia per visite guidate, sia quale luogo ideale per iniziative culturali come, per dirne uno, la rappresentazione del presepe vivente. Sono uno dei pochi esempi esistenti in Italia di ricoveri sotterranei, e da sempre suscitano l’interesse e la curiosità di moltissime persone che giungono anche da altre regioni per visitarli”. “L’idea di questa mostra - spiega infatti il consigliere comunale Mario De Prete, che si occupa delle tematiche della Cultura - è nata con l’intento di offrire ulteriori momenti per vivere questo importante patrimonio collettivo e farlo conoscere, quindi, ad un sempre maggiore pubblico. Dando voce all’arte e attraverso le emozioni degli autori delle opere esposte, vogliamo inoltre offrire ai cittadini la possibilità di rivivere quel passato, che fa parte della nostra storia, non più con dolore ma con un’anima serena, mantenendo però vera e intatta la realtà di chi quel dolore l’ha vissuto o conosciuto attraverso il racconto dei propri cari”. La collettiva d’arte contemporanea, promossa dal Comune con l’organizzazione di Giancarlo Cecchetti, artista che espone anch’egli una sua opera, verrà inaugurata sabato 25 gennaio alle ore 18 e rimarrà aperta fino a domenica 9 febbraio, tutti i giorni, con i seguenti orari: 9-12, 16-19 (dal lun al ven) e 9-13, 16-19 (sab e dom). Per informazioni: Ufficio Cultura, Tel. 06/97203204.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl