Il sindaco Giuliano Sala al vescovo Romano Rossi: "Grazie per una chiesa di fatti e non solo di prediche"

13/ott/2014 13:46:35 Fuori dal Comune - periodico di informazione del C Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

NOTA INFORMATIVA

 

Il sindaco Giuliano Sala al vescovo Romano Rossi: “Grazie per una chiesa di fatti e non solo di prediche”

 

Il vescovo ricevuto in Consiglio comunale per il conferimento della cittadinanza onoraria

 

“Realizzare un’azione di equità” e considerare “come priorità delle priorità la ridistribuzione dei redditi”. Sono alcuni dei concetti di fondo del discorso tenuto dal sindaco di Bracciano Giuliano Sala nel corso della seduta di Consiglio comunale, il 6 ottobre scorso, durante la quale è stata assegnata al vescovo della Diocesi di Civita Castellana, Romano Rossi, la cittadinanza onoraria  di Bracciano.

Un incontro che si è tenuto nell’ambito della visita pastorale che il vescovo sta tenendo a Bracciano con iniziative che coinvolgono numerose realtà associative e di categoria.

Nel discorso di benvenuto, il 5 ottobre in piazza IV Novembre, il sindaco Sala aveva espresso un profondo ringraziamento per l’attività che il vescovo sta svolgendo sul territorio.

“Come rappresentante delle istituzioni e come laico – ha detto il sindaco Sala - non mi è certo permesso di esprimermi per valutare la forza della sua fede, ma sicuramente posso concretamente affermare che in questi anni ho potuto apprezzare la grande  forza morale con la quale si è adoperato per trasformare e migliorare l’immagine  della Chiesa nella nostra cittadina. Come dire, fatti e non solo prediche dal pulpito. Sono certamente in grado di osservare  laicamente il rinnovamento, il nuovo impulso e il nuovo spirito con il quale oggi a Bracciano i cittadini e i fedeli, il cosiddetto popolo di Dio, hanno colto la presenza di una diocesi aperta, presente, direi frizzante, che sa unire il momento confessionale e quello del proselitismo cattolico, con una grande sensibilità di sostegno ai più bisognosi, alle persone in fragilità sia interiore che materiale. E questa azione è stata organizzata, rappresentando all’interno delle  parrocchie di Bracciano, il giusto equilibrio tra i preti che per tanti anni sono stati il riferimento dei cittadini e i nuovi parroci, che stanno dimostrando una grande capacità di innovazione nel rapporto coi fedeli, coi tanti giovani che frequentano gli oratori sapendo di poter contare sul sostegno dei loro predecessori”.

Il vescovo Rossi nel prendere la parola in Consiglio comunale ha tracciato un quadro della chiesa di oggi. “Non vogliamo – ha detto – essere cultori dell’ordinaria amministrazione”. Ed ancora “noi faremo di tutto per custodire la speranza” in una epoca in cui “l’individualismo e la chiusura sono la regola”.

La visita pastorale del vescovo a Bracciano prosegue fino a domenica 26 ottobre con una fitta serie di incontri. Il 17 ottobre alle 10, tra le altre cose, il vescovo sarà all’ospedale Padre Pio per una visita ai malati e la santa messa. Il 21 ottobre alle 18 incontrerà al Convento di Santa Lucia i terziari francescani.  

 

In allegato foto: l’incontro in Consiglio comunale

 

 

fuoridalcomune@comune.bracciano.rm.it

Bracciano, 13 ottobre 2014 - CS 129   -2014

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl