Lettera Aperta Sulla Notte Bianca

sugli articolo di questi giorni si leggono solamente sviolinate che ci

Allegati

21/set/2004 17.46.45 Commissione 3 Lazio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il Consigliere Regionale e Presidente della Terza Commissione Consiliare Permanente (Cultura, Sport, Turismo, Spettacolo e Comunicazione)

Claudio Bucci

 

 Lettera aperta 
   

 La Notte Bianca

 

Caro Direttore,

sugli articolo di questi giorni si leggono solamente sviolinate che ci dicono come è andata bene la Notte Bianca. Due milioni persone che si sono riversate per le strade di Roma fino all’alba, per divertirsi con concerti, saltimbanchi e quant’altro. Ma nessuno ci racconta quanto è costato tutto questo ai cittadini romani, sia in termini economici, sia in occasioni mancate.

L’Imperatore romano Veltroni ha messo su una macchina infernale per poter regalare al suo popolo un format sperimentato dai nostri antenati, gioia e i dolore degli imperatori, i “Giochi” (oggi chiamata Notte Bianca), spendendo circa 1 euro per ogni persona che ha preso parte alla giostra notturna. Detto così sembra un vero affare: solo 1 euro per poter godere di concerti, spettacoli, saltimbanchi, musei, autobus, metropolitane, e vigilanza. Peccato che però poi ce ne chiede 45 per poter parcheggiare sotto la propria casa e che vorrebbe portare la tariffa delle strisce blu a 1,50 euro l’ora.

Indubbiamente il Sindaco ha speso solo un milione e cinquecento mila Euro, per farci vivere una notte da leoni, ma poi ci chiede di pagarle care le nostre giornate da pecore….

Se al sindaco si può perdonare di averci sperperato tanti preziosi denari per farci divertire una serata (sono solo i giovani, infatti, ad usufruire della notte fino all’alba e non certo i pensionati o le famiglie con bambini piccoli),  invece all’occasione mancata, è imperdonabile. Perché se proprio si voleva fare qualcosa nell’ambito della cultura, non si doveva pensare esclusivamente all’evento in se, ma investire anche nella formazione alla cultura dei romani. Se una sera si va a teatro gratis, non è detto che ci si ritorni quando si paga. Allora perché non studiare un percorso culturale che possa durare un intero anno, e non una cultura usa e getta che non ci serve.

Come i nostri antenati dell’urbe noi ci ribelliamo, i “Giochi” non ci vanno più bene.

 

 

Claudio Bucci

Presidente Commissione Cultura Regione Lazio

 

 

 

L’ufficio Stampa

Flavio Meloni

Tel 0665932548 – Fax 0665932213 - Cell. 3476440117 e-mail f.meloni@1web.it

Notizie consultabili anche sul siti www.claudiobucci.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl