3833

Filippo Palazzo Ancora una volta constatiamo come le disposizioni date dalla Direzione Trenitalia e dalla Direzione RFI in merito all'ormai famoso a livello nazionale incrocio tra il 3833 e il 3832 da effettuare a Cefalù e non a Castelbuono, sono recepite da chi di competenza come "aria".

02/dic/2010 10.29.02 Comitato Pendolari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Direzione Trenitalia
Dott. Francesco Costantino

Direzione RFI
Dott. Filippo Palazzo


Ancora una volta constatiamo come  le disposizioni date dalla Direzione Trenitalia e dalla Direzione RFI in merito all'ormai famoso a livello nazionale incrocio tra il 3833 e il 3832 da effettuare a Cefalù e non a Castelbuono, sono 
recepite da chi di competenza come "aria".
Che poi tenere fermo a Castelbuono per circa 15 minuti il 3833 voglia dire far perdere la coincidenza con il Termini delle 7:40, creare dissapori per l'autorizzazione della fermata a Bagheria, arrivare con 32 minuti di ritardo è tutto normale.
E questa situazione si ripete da un anno.
Non si è mai voluto affrontare il problema seriamente.
Tanto a chi sta nella stanza dei bottoni cosa importa se poi le persone arrivano tardi al lavoro, ad un visita, e devono recuperare e tornare a casa ancora più tardi?

Visto che le disposizioni  non hanno avuto nessuna conseguenza positiva, sarebbe il caso che chi sbaglia venga sanzionato.
Oramai non è questione di sbagli, ci troviamo di fronte a delle palesi incompetenze.
Anche con 1000 treni nuovi, 4 binari per tutte le tratte siciliane, ho la certezza che con queste persone il servizio rimarrebbe da serie B.

distinti saluti

Giacomo Fazio




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl