Trasporti: I disservizi corrono sui binari del sud

28/dic/2010 21.56.39 Comitato Pendolari Siciliani Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Con preghiera di pubblicazione:

Trasporti: I disservizi corrono sui binari del sud.

In questi giorni, abbiamo visto quanto è successo in Toscana, per la straordinaria ondata di maltempo, e le prese di posizione di tutte le forze politiche nei confronti di Trenitalia e del Ministero dei trasporti a difesa dei propri corregionali. Non mi pare che, il problema delle 21 ore di ritardo accumulate dal treno Intercity Torino-Milano-R. Calabria-Palermo, sia dovuto ad un evento eccezionale, ma alla solita storia dei treni della speranza che dal nord devono arrivare sino al profondo sud. Profondo sud inteso per la qualità del materiale ferroviario impiegato, per le infrastrutture e per il servizio di trasporto “pubblico universale”. Tant’è vero che, l’A.d. di Trenitalia Mauro Moretti, in un’altra occasione come questa, ha risposto così alla domanda di un giornalista, che chiedeva perché per il sud, ci sono i treni peggiori, i più vecchi e i più lenti: <<Siamo un’azienda. Ci sono tratte che hanno mercato, e tratte che non ne hanno. È lo Stato che ci deve dire che servizio vuole e con che risorse coprire i costi. Altrimenti, facciamo il servizio che possiamo fare con gli investimenti che siamo in grado di fare, cercando di usare il materiale rotabile che abbiamo al meglio (Apcom)>>. Con questa dichiarazione, l’A.d. di Trenitalia scaricava le responsabilità di questi viaggi della speranza allo Stato, che non investe fondi adeguati per l’acquisto di materiale rotabile e per le infrastrutture per il sud. A questo punto, sorge il dubbio, e se fosse veramente così? Di certo bisogna correre ai ripari. Occorre che i vertici politici dei territori che vivono questo tipo di disagio, chiedano urgentemente chiarimenti al Governo per queste disattenzioni, per il materiale rotabile impiegato e per i mancati investimenti al pari del resto d’Italia e allo stesso tempo chiedere, così come hanno fatto i politici toscani, le dimissioni dell’A.d. di Trenitalia e del Ministro dei Trasporti, perché non è più tollerabile da parte dei cittadini italiani residenti al sud, questo tipo di disagi, disservizi e disattenzioni. Queste disparità nella qualità del servizio, fanno venir meno i principi costituzionali delle pari dignità sociali, personali, economiche e della libertà di potersi muovere liberamente e velocemente in tutto il territorio italiano.

-- 

Cordialità

Giosuè Malaponti - Coordinatore Comitato Pendolari Siciliani
recapiti: 3475545402  -  www.comitatopendolari.it - comitatopendolari@gmail.com - http://pendolarisiciliani.blogspot.com
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl