Appello in difesa del trasporto pubblico

Allegati

25/set/2011 22.55.02 Comitato Pendolari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

----- Messaggio inoltrato -----
Da: GenovaMilanoNewsletter <newsletter@genovamilano.it>
A: CPP <comitato_pendolari_pavia@yahoogroups.com>; Mailing genovamilanonewsletter <newsletter@genovamilano.it>
Inviato: Domenica 25 Settembre 2011 20:25
Oggetto: Appello in difesa del trasporto pubblico


 
anno X numero 7.289 domenica 25 settembre 2011
 
Appello in difesa del trasporto pubblico
 
L’allarme è stato lanciato da tutte le Regioni: se il Governo non cambierà idea, dal 2012 potrà essere davvero molto difficile viaggiare in treno o sugli autobus.
Si prevedono tagli al 75% delle risorse per il trasporto pubblico, e le regioni stanno già pensando a drastiche riduzioni del servizio unite ad aumenti insostenibili dei prezzi di biglietti e abbonamenti.
E’ giunto il momento di fare giungere la nostra voce ai vertici dello Stato, perché troppo spesso il popolo dei pendolari rimane inascoltato, pur essendo composto da quasi tre milioni di cittadini.
Insieme a tanti altri Comitati di Pendolari sparsi in tutta Italia, il cui numero sta ogni giorno crescendo, abbiamo pensato di inviare un appello al Presidente Napolitano e ai Ministri del Tesoro e dei Trasporti perché vengano riconsiderate le ipotesi di taglio alle risorse del trasporto pubblico, per ricordare a chi ci governa che il trasporto pubblico non è un servizio secondario, ma un servizio che riveste una importanza vitale per tantissimi cittadini e per le loro famiglie, che non possono accettare di vederselo sottrarre senza reagire.
Questo appello verrà recapitato al Presidente, ai Ministri e ai media, per darvi la massima diffusione. Naturalmente ogni comitato sarà tenuto a darvi a sua volta la massima diffusione, anche presso le Amministrazioni Locali, perché il nostro NO ai tagli giunga forte e chiaro a tutti i livelli istituzionali.
In occasione dell’inaugurazione del prossimo Salone Nautico, chiederemo di poterlo consegnare direttamente al Ministro dei Trasporti che presenzierà l’inaugurazione, e che è uno dei destinatari dell’Appello, chiedendogli di prestare orecchio alle ragioni di milioni di cittadini che chiedono una scelta decisa in favore del trasporto pubblico.

No allo smantellamento del trasporto pubblico, Si alla mobilità sostenibile per una qualità della vita migliore.
 
Il testo dell'Appello:
Appello per il trasporto pubblico: no al taglio delle risorse, no al taglio del servizio
Togliere risorse al trasporto pubblico (treni, autobus, metropolitane, ecc.) è un grave errore strategico poiché se da un lato viene limitato il diritto alla mobilità dei cittadini, dall’altro si aumentano i costi sociali legati a incidentalità, congestione ed inquinamento, si deprime l’economia e si causa un generale peggioramento della qualità della vita.

Al Presidente della Repubblica Italiana
Al Ministro dell’Economia
Al Ministro dei Trasporti
 
Signor Presidente, Signori Ministri,
 
sono quasi 3 milioni i cittadini che ogni giorno basano sulla disponibilità di mezzi di trasporto pubblici la loro possibilità di andare al lavoro, a scuola, all’università, e, in generale, a svolgere le loro più diverse attività.
Usare i mezzi pubblici non significa solo poter disporre di un modo economico per spostarsi dalla propria abitazione verso la destinazione prescelta, ma significa scegliere una modalità di trasporto in grado di coniugare con efficacia diversi importanti vantaggi: un minor inquinamento ambientale, un minor congestionamento delle strade, una minore incidentalità con i connessi alti costi sociali, per non citarne che alcuni. Nell’insieme, una mobilità collettiva efficiente è un fattore in grado di migliorare in modo sensibile la qualità della vita percepita dai cittadini.
La Manovra varata dal Governo prevede per il 2012 ulteriori tagli nei trasferimenti alle Regioni, tagli che si abbattono, in particolare, sul trasporto pubblico mettendone in pericolo la stessa sussistenza, atteso che si parla di una riduzione del 75% delle risorse.
Attuare una simile misura impedirebbe da un lato a centinaia di migliaia di studenti e lavoratori di muoversi e dall’altro provocherebbe il caos poiché farebbe aumentare il traffico e la congestione delle nostre strade, già in molti casi oltre il livello di guardia.
Per ovviare parzialmente ai tagli le Regioni non avrebbero altra scelta che aumentare in modo insostenibile il prezzo dei biglietti e degli abbonamenti, e questo nel bel mezzo di una crisi economica che erode stipendi e pensioni sempre più insufficienti a far fronte alle necessità quotidiane.
L’aumento dell’IVA al 21% porterà inoltre un ulteriore aumento del costo della vita e in particolare dei trasporti, con un ulteriore effetto negativo sul potere d’acquisto dei cittadini, andando a colpire, proporzionalmente, le fasce più deboli, numericamente in costante aumento.
Anche le conseguenze dei tagli al trasporto pubblico sul sistema economico nel suo complesso saranno molto negative, abbiamo già accennato ai costi sociali dovuti a congestione, inquinamento e relative malattie, incidentalità, che già oggi costano al Paese ben 2 punti di PIL e che una più attenta politica in favore della mobilità collettiva e sostenibile potrebbe sensibilmente abbassare, liberando risorse per investimenti in grado di creare occupazione e migliore qualità della vita.
Impiegare risorse in trasporto pubblico e mobilità sostenibile non è un costo, ma un investimento che riveste un carattere anticiclico nei confronti di una crisi economica dalla quale sarà possibile uscire solo se saremo in grado di immaginare un futuro diverso e migliore della realtà in cui viviamo oggi. Non è giocando in difesa, ripiegati su noi stessi, così come prefigura appunto una politica di soli tagli, che potremo vincere le sfide della mondializzazione economica.
Pensiamo che la mobilità collettiva faccia parte di questa visione del nostro futuro, insieme ad una economia che punti con decisione sull’innovazione e sullo sviluppo sostenibile, ed è per questo che ci rivolgiamo a Lei, Signor Presidente,  ed a Voi, Signori Ministri dell’Economia e dei Trasporti, perché sia riconsiderata l’ipotesi di tagliare le risorse ad un settore non solo vitale per milioni di cittadini, ma dal quale l’economia potrebbe trarre grande impulso.
Confidando che questo appello non resterà inascoltato, rivolgiamo a Lei, Signor Presidente, e ai Signori Ministri, il nostro sincero ringraziamento per l’attenzione prestata alla voce di milioni di cittadini.
 
Coordinamento dei Pendolari Liguri (pendolariliguri@libero.it)
Abbonati Genova-Milano (newsletter@genovamilano.it)
Associazione Pendolari dell'Acquese (alfio.zorzan@libero.it)
Comitato Pendolari Sicilia (pendolaripa@yahoo.it)
Comitato Pendolari Alto Friuli (comitatopendolarigemonaudine@gmail.com)               
Pendolari Alta Valle Scrivia (biswas.priscilla@hsr.it)
Comitato Pendolari Alta Valsusa (pendolarialtavalsusa@libero.it)
Associazione Utenti Ferrovia Chiasso - Ivrea �“ Aosta (agostino.petruzzelli@alice.it)
Comitato Spontaneo Pendolari Cuneo-Torino (pendolaricuneotorino@libero.it)
Comitato Spontaneo Pendolari Torino-Milano (carbonari.giacherio@libero.it)
Associazione Pendolari Novesi (rikmarta@gmail.com)
Pendolari della Alessandria - Milano (fabio.petrocchi@gmail.com)
 
© GenovaMilanoNewsletter  2003/2011
Tutte le newsletter arretrate su: www.genovamilano.it

GenovaMilanoNewsletter contiene informazioni di carattere confidenziale e si rivolge esclusivamente al mailing indicato. Nel caso aveste ricevuto questo messaggio di posta elettronica per errore, siete pregati di segnalarlo immediatamente al mittente e distruggere quanto ricevuto (compresi eventuali file allegati) senza farne copia. Qualsivoglia utilizzo non autorizzato del contenuto di questo messaggio costituisce violazione dell'obbligo di non prendere cognizione della corrispondenza tra altri soggetti, salvo più grave illecito, ed espone il responsabile alle relative conseguenze.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl