Mozione

05/ott/2011 23.15.02 Comitato Pendolari Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 10 ottobre si voterà in Aula una mozione a firma di numerosi esponenti del PD (Meta, Lovelli, Tullo e altri) che si propone di destinare al finanziamento del Trasporto Pubblico Locale le consistenti maggiori entrate derivanti dall'asta per l'assegnazione delle frequenze dei telefonini di quarta generazione.
Già in agosto la Camera si è espressa favorevolmente in tal senso, votando un ordine del giorno che impegna il Governo «a garantire al trasporto pubblico locale risorse sufficienti alla fornitura di un livello adeguato del servizio su tutto il territorio nazionale» prevedendo la copertura anche dei «costi del personale e di funzionamento» del trasporto pubblico locale;

il medesimo ordine del giorno, inoltre, impegna il Governo a: «sostituire tali trasferimenti solo dopo aver assicurato, a regime, adeguate e congrue fonti autonome di finanziamento sufficienti alla copertura delle spese di parte corrente e in conto capitale del servizio di trasporto pubblico» e a «dare attuazione alle disposizioni di cui agli articoli 20 e 21 della legge 42 sul federalismo fiscale affinché nella fase transitoria si provveda al recupero del deficit infrastrutturale per i servizi essenziali, (...) disponendo risorse adeguate e interventi finalizzati agli obiettivi di sviluppo, coesione e solidarietà sociale, tenendo conto "anche" della virtuosità degli enti nell'adeguamento al processo di convergenza ai costi o al fabbisogno standard, nel pieno rispetto dell'articolo 119, quinto comma, della Costituzione»;

Da notizie diffuse dal Ministro dello Sviluppo Economico il successo registrato dall'asta per l'assegnazione delle frequenze dei telefonini di quarta generazione sta determinando, ad oggi, una eccedenza di entrate, rispetto a quelle preventivate e pari a 2,4 miliardi di euro, di oltre 1 miliardo; una parte di queste risorse potrebbero essere messe a disposizione delle regioni per reintegrare le risorse del trasporto pubblico locale garantendo il servizio pubblico per milioni di pendolari e scongiurando il rischio che la grave fase di emergenza mini la coesione sociale.

Non possiamo che plaudere a tale importante iniziativa, che vivamente speriamo venga votata all’unanimità dalla Camera per dar seguito alla più volte asserita volontà, da parte di tutti i gruppi politici, di trovare risorse per il trasporto pubblico locale, e ci auguriamo che essa serva davvero a sbloccare le risorse necessarie per garantire il prosieguo del servizio di trasporto pubblico almeno nei termini odierni.

Seguiremo dunque l’evoluzione del dibattito parlamentare, e raccomandiamo nuovamente tutti a contattare i propri parlamentari di riferimento per fare pressione in tal senso, invitandoli a votare positivamente la proposta. 

Il testo completo della mozione

Comitato Pendolari Sicilia


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl