Si riattivi la Cardiochirurgia Pediatrica a Palermo

14/gen/2016 21.22.37 Missione in Web Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Associazione di Promozione Sociale

“Movimento per la Salute dei Giovani”

e-mail: movsalutegiovani@libero.it

 

Associazione O.d.V.

“A.S.TRA.FE. Sicilia”

e-mail: astrafe@libero.it

 

Palermo, 14 Gennaio 2016

 

In riferimento all’Interrogazione parlamentare 5/07265 del 19/12/2015, presentata dall’Onorevole Giulia Di Vita ed indirizzata al Ministro della Salute ed al Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, riaffermiamo che il popolo siciliano, ancora oggi, vista l’inadeguatezza organizzativa e strutturale in molte realtà sanitarie isolane, è costretto a scegliere di emigrare verso altre strutture sanitarie italiane o estere. Così accade per il trattamento e l’assistenza sanitaria di 3° Livello delle patologie cardiache congenite in età pediatrica e per i pazienti, dopo i 18 anni, GUCH (Grown Up Congenital Heart) con patologie cardiache congenite operate e non. Desideriamo rammentare come, a partire dal 2010, siano stati pubblicati diversi atti ufficiali per la riorganizzazione dell’assistenza cardiologica pediatrica siciliana, con i quali viene prevista la realizzazione del Centro di Eccellenza Cardiochirurgica Pediatrica a Palermo. L’area metropolitana di Palermo è la zona della Sicilia ove avvengono il maggior numero di parti (approssimativamente 14.000/anno, quasi 1/3 del totale isolano). Ogni anno nell’Isola nascono circa 500 bimbi con Cardiopatie Congenite di diversa entità (dati forniti dalla II Assemblea Regionale Siciliana per il “Buon Cuore” del 26/01/2013) di cui oltre 1/3 devono essere sottoposti a procedure chirurgiche o interventistiche entro il primo anno di vita, mentre il 15% in epoca neonatale. La vicinanza ed i collegamenti fra il centro nascita, i reparti pediatrici ed il centro di assistenza cardiologica di 3° livello sono degli elementi che hanno un peso significativo in un contesto di emergenza/urgenza. Considerando quanto esposto, è difficile comprendere le ragioni dello smantellamento, avvenuto nel 2010 dopo la morte del Prof. Carlo Marcelletti, dell’esistente ed attivo Reparto di Cardiochirurgia Pediatrica che era ubicato presso l’Ospedale Civico di Palermo. Le discutibili decisioni, imponevano un trasferimento “temporaneo” della Cardiochirurgia Pediatrica presso il Presidio Ospedaliero “San Vincenzo” di Taormina ed una costosissima ristrutturazione di circa 10milioni di euro. Tutto ciò, in più, veniva suggellato con una convenzione economicamente onerosa con l’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma. Purtroppo, dal 7 novembre 2010 ad oggi, si può constatare che la scelta praticata non è stata consona alle aspettative dei pazienti, che continuano a recarsi verso altri centri di cure specialistiche fuori la Sicilia, nei quali esistono e cooperano i necessari reparti pediatrici. E’ noto a tutti, che il nosocomio di Taormina è un ospedale territoriale privo di assistenza pediatrica specialistica ed è pertanto la sede meno adatta per un reparto di alta complessità assistenziale di 3° livello. Alla luce di tali e gravi evidenze, è giunto il momento di avviare un’accurata revisione del CCPM (Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo) di Taormina. Riteniamo che, senza altri indugi, bisogna attualizzare disposizioni adeguate per porre fine ad una inefficace realtà sanitaria che non doveva mai essere realizzata. Infatti, i decantati obiettivi previsti non sono stati raggiunti, a scapito dei tanti piccoli cardiopatici che in questa regione continuano ad essere le vittime sacrificali dell'incompetenza decisionale che non tiene conto dei reali bisogni della gente. Pretendiamo che si ponga rimedio, urgentemente e definitivamente, al costoso “scempio” sanitario della Cardiochirurgia Pediatrica Siciliana. Ribadiamo che non è in discussione la professionalità dello staff medico e paramedico ma la conosciutissima inadeguatezza del Presidio Ospedaliero ospitante. Chiediamo accoratamente di ricollocare la Cardiochirurgia Pediatrica Siciliana a Palermo non per campanilismo e prima dell’indefinito tempo di realizzazione dell’ISMEP (Istituto Mediterraneo di Eccellenza Pediatrica), perché i capoluogo di regione sono le sedi logistiche indicate dalle direttive sanitarie internazionali e perché da tempo, nei programmi dell’assessorato della salute, viene considerata Palermo come la sede regionale dell’assistenza pediatrica di alta specializzazione. Oltretutto nel capoluogo siciliano è operativo l’ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) che, negli anni, ha ottenuto considerevoli riconoscimenti ed apprezzamenti dalle più importanti organizzazioni scientifiche nazionali e mondiali, anche, per i trapianti in pazienti pediatrici bisognevoli di trapianto di fegato, di rene e di polmone.

 

Si chiede, quindi, all’Assessore Baldo Gucciardi di individuare la struttura più idonea a Palermo, per ospitare il Reparto di Cardiochirurgica Pediatrica considerando le realtà sanitarie esistenti, che siano nelle condizioni strutturali, organizzative, gestionali e professionali di eccellenza, per avviare le attività in tempi brevi in cooperazione con i reparti specialistici pediatrici già esistenti nel territorio.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl