Cie: "Procedere senza indugi"

22/lug/2010 16.46.05 Francesco Bosi - Udc Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

CIE IN TOSCANA: BOSI (UDC) A MARONI - PROCEDERE SENZA INDUGI

Roma, 22 luglio. - L’On. Francesco Bosi, che in più occasioni ha sollecitato il Ministro dell’Interno Maroni per l’apertura dei CIE in Toscana, ha indirizzato un ulteriore esortazione perché si proceda senza indugi.
“Ho apprezzato che, finalmente, il Ministero abbia individuato un’ipotesi di ubicazione di un CIE nella zona di Campi Bisenzio vicino a Firenze.
Tuttavia, il mio Timore è che le note riserve di tipo politico possano riemergere attraverso una serie di SE e di MA che rischiano di farci tornare al punto di partenza.
Il Governo, pur con le opportune consultazioni, ha il potere di agire in surroga rispetto alle competenze urbanistiche di Comune e Regione. Pertanto, Ti sollecito vivamente a procedere secondo gli impegni assunti in Parlamento proprio a fronte di una mia interrogazione in Question Time.”
Bosi, infine, si rivolge al Presidente della Regione Rossi ed in particolare al Sindaco di Campi Bisenzio, Adriano Chini, affermando:
“Smettiamola di immaginare i CIE come un LAGER, gli esempi tranquillizzanti ci sono anche nella vicina Emilia Romagna dove questi Centri sono ben gestiti anche dalle Associazioni di Volontariato come le Misericordie. Questi allarmismi rischiano di essere irresponsabili e, nonostante le migliori intenzioni, sono forse la causa del recente, vile e grave attentato alla Misericordia di Rifredi.”


on. Francesco Bosi
Ufficio stampa
ufficiostampa@francescobosi.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl