LE TRADIZIONI ICONOGRAFICHE DEL MEDITERRANEO

L'indagine sull'intreccio storiografico dei rapporti tra le tradizioni iconografiche del Mediterraneo orientale e quello di ambito russo ha già ottenuto un riconoscimento dalla Presidenza della Repubblica ed ora, attraverso la puntuale organizzazione degli uffici della Regione Veneto, formerà oggetto di una serie di appuntamenti culturali che interesseranno le città di Roma, Venezia, Aquielia, Vicenza e Zara, in Croazia.

15/mar/2010 20.25.20 AGE Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

LA RASSEGNA “ LA MIGRAZIONE DELLE IMMAGINI, ORIENTE OCCIDENTE “
I rapporti tra la la Chiesa di Roma ed il Patriarcato di Venezia sono stati ampiamente esaminati e serenamente discussi nel corso della rassegna che la Giunta Regionale del Veneto ha presentato presso la sua sede di rappresentanza romana l’11 marzo 2010 per evidenziare e ricercare immagini e storiografia sui Santi Pietro e Marco.
 
L’indagine sull’intreccio storiografico dei rapporti tra le tradizioni iconografiche del Mediterraneo orientale e quello di ambito russo ha già ottenuto un riconoscimento dalla Presidenza della Repubblica ed ora, attraverso la puntuale organizzazione degli uffici della Regione Veneto, formerà oggetto di una serie di appuntamenti culturali che interesseranno le città di Roma, Venezia, Aquielia, Vicenza e Zara, in Croazia.
 
Nel corso delle varie sedute del percorso di approfondimento storico – culturale che compongono l’ampio percorso della rassegna verranno discussi: la Translactio Santi Marci (il testo che narra il viaggio del corpo di San Marco dall’Egitto fino a Venezia ), gli aspetti ed i luoghi della santità e dell’agiografia tra Oriente ed Occidente, l’importanza della mostra di Vicenza su “ I Santi Pietro e Marco nell’Oriente Cristiano “ nonché il Convegno di studio e di approfondimento con le tappe di Zara, il 10 e l’11 giugno p.v. presso l’Università di quella città, dove sarà presentato il volume “ San Pietro e San Marco. Arte ed Iconografia in area adriatica “, mentre l’evento più atteso sarà la tavola rotonda che si terrà a Venezia il 23 giugno successivo dal titolo “ Prima di San Marco:l’antica sede vescovile di San Pietro in Castello “.
 
La rassegna si concluderà il 12 luglio ad Aquileia, nella sala romana della Basilica Patriarcale, con un incontro – dibattito sulle “ Antichità cristiane e medievali “.
 
Nel corso della presentazione romana della importante rassegna hanno preso la parola insigni rappresentanti di enti ed organizzazioni che dei rapporti tra San Marco e San Pietro formano il loro scopo istituzionale, quali la Società Internazionale per lo studio della retorica biblica, presieduta da S.E.R. il Card. Albert Vanhye, che è anche Gran Priore del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio; parole di stima e di incoraggiamento per l’ulteriore sviluppo dell’iniziativa sono state espresse dal Presidente del Circolo San Pietro Leopoldo Torlonia; rilevanti inoltre gli interventi di Nikola Jaksic dell’Università di Zara ( ove insegna storia dell’arte altomedievale e bizantina ), e quello, altamente apprezzato, di p. Mikhail Povaljajev rettore del Monastero della Chiesa Ortodossa Russa della Chiesa Santa Ekaterina di Alessandria a Roma.
 
L’organizzazione della rassegna, affidata alla Dirigente Regionale del Veneto delle Attività Culturali e dello Spettacolo Maria Teresa Di Gregorio ha ampiamente meritato le congratulazioni dei presenti che hanno anche particolarmente apprezzato la gestione del dibattito affidata al Dirigente della Sede di Roma della regione Veneto, Dott. Paolo Bellini.
 
Chi volesse seguire i lavori della rassegna nei suoi passi successivi potrà interpellare la Direzione della Sede di Roma della Regione Veneto in Via del Tritone, 46, tel. 06/6873788/5.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl