COMUNICATO STAMPA ISTITUTO BRAGA TERAMO

COMUNICATO STAMPA ISTITUTO BRAGA TERAMO Ho intenzione di narrare un racconto pieno d'orrore opera di FABIO DI LIZIO venerdì 8 ottobre 2010 ore 11,45 Auditorium di Santa Maria a Bitetto, via Stazio, Teramo Venerdì 8 ottobre 2010, in occasione della Giornata del Contemporaneo, quest'anno alla sua Sesta edizione, viene presentata, presso l'auditorium Auditorium di Santa Maria a Bitetto a Teramo, l'opera Ho intenzione di narrare un racconto pieno d'orrore realizzata dall'artista Fabio Di Lizio, nell'ambito della sesta edizione di Gemine Muse, manifestazione di punta del circuito Gai a cui l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Teramo aderisce dal 2006.

07/ott/2010 10.21.03 Istituto Musicale Pareggiato "G.Braga" Teramo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Ho intenzione di narrare un racconto pieno d’orrore

opera di FABIO DI LIZIO

venerdì 8 ottobre 2010 ore 11,45

Auditorium di Santa Maria a Bitetto, via Stazio, Teramo

 

Venerdì 8 ottobre 2010, in occasione della Giornata del Contemporaneo, quest’anno alla sua Sesta edizione, viene presentata, presso l’auditorium Auditorium di Santa Maria a Bitetto a Teramo, l’opera Ho intenzione di narrare un racconto pieno d’orrore realizzata dall’artista Fabio Di Lizio, nell’ambito della sesta edizione di Gemine Muse, manifestazione di punta del circuito Gai a cui l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Teramo aderisce dal 2006.

Dopo Il silenzio e` d`oro, titolo della prima mostra di Gemine curata da Francesca Referza nel 2007 ed ospitata nel chiostro e nelle aule dell`Istituto musicale Gaetano Braga di Teramo, continua il sodalizio tra la musica ed i giovani artisti abruzzesi.

Grazie alla collaborazione ed alla disponibilità del presidente del Braga Alberto Melarangelo e del direttore Alberto Castagna verrà infatti collocata nella nuova sede di Casa Urbani in Vico del Pensiero, nei pressi della Piazzetta del Sole, l’opera Ho intenzione di narrare un racconto pieno d’orrore generosamente donata alla Provincia di Teramo da Fabio Di Lizio, giovane artista ortonese di nascita, ma aquilano d’adozione, prodotta per la seconda edizione teramana di Gemine muse (2009).

Per Fahrenheit 451, mostra ospitata nella Biblioteca Provinciale Melchiorre Dèlfico gli artisti, prendendo spunto dal romanzo di fantascienza di Ray Bradbury e dall’omonimo film di François Truffaut, avevano realizzato opere pensate in stretta relazione agli spazi della biblioteca. Disegni, sculture e video parlavano dunque del libro e della materia di cui sono fatti, la carta.

Ho intenzione di narrare un racconto pieno d’orrore, titolo dell’opera realizzata da Fabio Di Lizio nel 2009 per quella occasione, è una scultura in legno costituita da due elementi a forma di albero stilizzato. Strati sovrapposti di carta da incisione, costituiscono la “corteccia narrativa” della scultura, dalla connotazione ludica e infantile per via dei simboli colorati e dei timbri giocattolo impressi sulla ‘pelle’ di carta dell’albero.

Gli artisti coinvolti nelle tre passate edizioni (2007, 2009, 2010) sono: Marco Antonecchia (Campobasso, 1976), Maria Crispal (Maria Cristina Palombieri, Teramo 1980), Ercole Coruzzi (Teramo, 1977), Fabio Di Lizio (Ortona, 1976), Matteo Fato (Pescara, 1979), Sergio Flora` (Teramo, 1975), Alessandro Gabini (Pescara, 1976), Marino Melarangelo (Teramo, 1974), Giacomo Sabatini (Teramo, 1973) Alessio Rota (Giulianova, 1982) e Nordine Sajot (Francia, 1975).

L’ultima edizione di Gemine Muse, animata da una performance della giovane artista teramana Maria Crispal ospitata nella Villa Comunale di Teramo, è stata realizzata grazie alla collaborazione del Comune di Teramo e della consigliera Alessia De Paulis.

L'Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani è un organismo che raccoglie ad oggi 41 Amministrazioni locali (Comuni, Province, Regioni) allo scopo di sostenere la creatività giovanile attraverso iniziative di formazione, promozione e ricerca. Il circuito GAI, presente già dal 1989, si é dato una forma giuridica che gli permette di coordinare con più efficacia i propri programmi e di raccogliere risorse nuove attraverso la collaborazione di soggetti pubblici e privati.

L’Associazione si prefigge di documentare attività, offrire servizi, organizzare opportunità formative e promozionali a favore dei giovani che operano nei campi della creatività, delle arti e dello spettacolo. Questo attraverso iniziative permanenti o temporanee che favoriscano la circolazione di informazioni e di eventi, sia a livello nazionale sia internazionale, incentivando il rapporto tra la produzione artistica giovanile e il mercato.

Il Circuito Giovani Artisti Italiani ha istituito dal 2001 un sito web con struttura di portale, attualmente tra i più visitati del suo genere, con opportunità, informazioni, risorse per il pubblico dell’arte e dello spettacolo. www.giovaniartisti.it è un luogo di interventi, di dibattito e di scambio di informazioni.

L'Associazione possiede una banca dati nazionale in continuo aggiornamento che contiene oltre 40.000 schede di giovani creativi nelle diverse aree artistiche e svolge inoltre un lavoro editoriale con la pubblicazione dei propri cataloghi che vengono distribuiti in tutta Italia.

Il GAI, in convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù e il Ministero per i beni e le attività culturali, realizza per il biennio 2008-2009 iniziative nazionali e internazionali nell’ambito del progetto DE.MO.: Movin'Up, programma di sostegno finalizzato a promuovere con un fondo annuale la mobilità dei giovani artisti italiani nel mondo; DAB, concorso organizzato con il Comune di Modena, per la progettazione di oggetti d’arte e di design da destinare agli artshop e bookshop museali con il lancio della nuova Linea di Prodotti GAI per i Musei Italiani.

Il GAI inoltre, gestisce in collaborazione con l’ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani un programma di lavoro biennale a cura della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Gioventù che sotto il titolo ITALIA CREATIVA affronta a tutto campo temi quali la produzione creativa, il rapporto tra creatività e mercato, la promozione del talento, la conoscenza, la crescita professionale, la creazione di infrastrutture. Il programma, fondato su linee prioritarie di azione e settori d’intervento primari, è rivolto a tutti gli artisti italiani attraverso un sistema di attività di network promosse sull’intero territorio nazionale da alcune città capofila.

 

Per info:

Valentina Di Paolo Agenzia Giovani della Provincia di Teramo
Via Carducci, 15/17 - 64100 Teramo
Telefono: 0861.331280
Fax: 0861.331203
E-mail:
ag@informagiovaniteramo.it

Pina Manente

ufficio.stampa@provincia.teramo.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl