L’Otto per Mille alla scuola pubblica: l’UAAR apprezza l’ODG della Camera

L'Otto per Mille alla scuola pubblica: l'UAAR apprezza l'ODG della Camera.

Persone Raffaele Carcano
Luoghi Abruzzo
Organizzazioni Camera dei deputati, Chiesa cattolica, Ordine Nazionale dei Giornalisti
Argomenti politica, religione, scuola, parlamento

03/nov/2011 10.01.34 UAAR - Unione Atei e Agnostici Razionalisti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa UAAR del 29 settembre 2011

Per la prima volta il Parlamento tenta di scalfire il monolitico meccanismo dell’Otto per Mille. Un ordine del giorno approvato oggi dalla Camera ha infatti aperto alla possibilità di introdurre una nuova scelta, destinando parte del gettito IRPEF alla scuola pubblica.

L’UAAR esprime apprezzamento per l’intento di introdurre una scelta più laica di quelle attualmente disponibili: «atei e agnostici, al momento della dichiarazione dei redditi, possono soltanto scegliere tra alcune confessioni religiose e lo Stato, il quale però storna gran parte dei fondi a sua disposizione a favore della Chiesa cattolica», dichiara il segretario Raffaele Carcano. «Questo rischio c’è anche scegliendo a favore della scuola pubblica, perché si tende, incongruamente, a considerare sotto tale definizione anche le scuole paritarie cattoliche», continua Carcano: «ma, pur consapevole del valore limitato di questo voto, l’UAAR lo ritiene comunque importante in un momento di crisi per il Paese e dopo anni di tagli alla scuola della Repubblica e contestuali finanziamenti pubblici alla scuola paritaria cattolica».

L’UAAR aveva anche proposto tempo fa di usare i fondi dell’otto per mille statale per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto in Abruzzo (una strada già percorribile con l’attuale normativa), ma il governo ha preferito far finta di niente.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl