7° Programma Quadro dell'Unione Europea - Importante incontro sui temi dell'Energia e dei Trasporti alla Facoltà di Ingegneria di Pisa

23/feb/2007 14.49.00 Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
7° Programma Quadro dell'Unione Europea
Importante incontro sui temi dell'Energia e dei Trasporti alla Facoltà di Ingegneria di Pisa

Lunedì 19 febbraio, presso la Facoltà di Ingegneria di Pisa, si è svolto un incontro di grande interesse sui temi dell'Energia e dei Trasporti, temi sui quali, nei prossimi anni, si concentrerà un grande sforzo finanziario della Comunità Europea nell'ambito del 7° Programma Quadro.

All'incontro, organizzato dalla Facoltà di Ingegneria e dal Master in “Pianificazione e gestione dei sistemi per l'energia da fonti rinnovabili”, è intervenuto il Sottosegretario del MUR Luciano Modica e sono stati invitati come relatori i Delegati Italiani per la ricerca europea in materia di energia: l'Ing. Raffaele Vellone dell'ENEA, l'Ing. Giuseppe Rovera del Centro Ricerche Fiat, i Proff. Ugo Bilardo e Giuseppe Zollino.

A seguire sono intervenuti il Dr. Edo Bernini della Regione Toscana e l'Ing. Gennaro De Michele per l'ENEL Ricerca, mentre Modica ha tratto le conclusioni dell'incontro indicando le posizioni del Governo e prendendo l'impegno di portare alla sua attenzione le proposte emerse.

Di elevato rilievo anche l'audience che ha affollato l'Aula Magna della Facoltà di Ingegneria, fra cui molti esponenti di spicco del mondo accademico e della ricerca e di aziende, fra cui Ansaldo, Trenitalia e Piaggio. Presenti anche rappresentanti del mondo politico, fra cui il Consigliere Regionale Gino Nunes ed il Sindaco di Pontedera Paolo Marconcini.

Nell'introduzione, il Preside Prof. Emilio Vitale ha sottolineato come gli ultimi anni siano stati caratterizzati da una crescente presa di coscienza, da parte di larghi strati dell'opinione pubblica, dei problemi energetici e dei trasporti, presa di coscienza cui fa riscontro un'accelerazione degli interventi a livello regionale, nazionale ed europeo. Questo scenario è senz'altro positivo, ma richiede uno sforzo di coordinamento, senza il quale si rischia di non poter raggiungere i potenziali effetti positivi degli ingenti investimenti in ricerca e sviluppo che si stanno mettendo in campo.

Vellone ha ribadito questo concetto sottolineando in particolare l'esigenza di istituire un coordinamento nazionale sui temi relativi all'impiego dell'idrogeno come vettore di energia: la proposta è quella di istituire, come hanno già fatto quasi tutti i Paesi europei, una piattaforma tecnologica italiana, che sarebbe il naturale interlocutore con la costituenda JTI (Joint Technology Iniziative) a livello comunitario. Zollino ha presentato lo scenario delle opportunità di finanziamento del 7° PQ, mentre Rovera e Bilardo hanno fatto il punto, rispettivamente, sullo stato delle ricerche in campo automobilistico e sulle prospettive per l'abbattimento delle emissioni dei gas-serra provenienti dall'utilizzo dei combustibili fossili. Bernini ha illustrato le politiche regionali per l'energia, sottolineando l'impegno della Regione per il risparmio energetico, per il potenziamento dell'impiego delle fonti rinnovabili, geotermico, eolico e solare, per il sostegno alle attività di ricerca e per la promozione di nuovi e qualificati investimenti industriali nel campo delle nuove tecnologie energetiche. Barbucci, infine, ha svolto un'ampia disamina delle più innovative tecnologie per la produzione di energia in modo ecocompatibile, illustrando poi l'ingente programma di investimenti in ricerca sul tema recentemente varato dall'ENEL.

Sono inoltre intervenuti il Prof. Romano Giglioli, Direttore del Master sulle Energie Rinnovabili, il Prof. Marco Carcassi, presidente del Forum Italiano sull'Idrogeno, rappresentanti di varie aziende tra cui l'ENI, che ha recentemente finanziato e messo in esercizio distributori di idrogeno per il rifornimento delle automobili.

Unanimemente, dal mondo industriale e della ricerca, è stata espressa l'esigenza che le proposte di ricerca e di soluzioni tecnologiche siano supportate da indirizzi precisi di politica industriale, senza i quali, in questo delicato e strategico settore, si rischia di disincentivare gli investimenti industriali, di demotivare gli ambienti di ricerca ed in definitiva di produrre uno scenario frammentato, ben diverso da quello con cui altri paesi europei si apprestano ad affrontare la competizione per i finanziamenti europei.

Il Sottosegretario Modica ha espresso apprezzamento per lo spirito costruttivo emerso nel dibattito, ribadendo la volontà del Governo di produrre uno sforzo incisivo per le tecnologie energetiche, non limitato al varo della legislazione di sostegno per la ricerca pubblica e industriale, ma indirizzato anche a favorire linee di sviluppo precise, riconducibili ad un generale interesse nazionale, da mettere a fuoco anche con strumenti di coordinamento come quelli proposti durante l'incontro.

_________________________________
Giulia Del Pozzo
Università di Pisa
Presidenza della Facoltà di Ingegneria
Via Diotisalvi, 2 - 56126 PISA
Tel 050.2217175 Fax 050.2217179
g.delpozzo@ing.unipi.it
www.ing.unipi.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl