Volontari e tutti a Faenza

http://astronomix.uai.it/ Quest'anno IARA & SETI ITALIA Cocconi saranno presenti con uno stand tutto nostro di radioastronomia & SETI.

13/set/2007 21.00.00 SETI ITALIA Cocconi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Chi viene a Faenza?
http://astronomix.uai.it/

Quest'anno IARA & SETI ITALIA Cocconi saranno presenti
con uno stand tutto nostro di radioastronomia & SETI.

Avremmo bisogno di qualche volontario/a che ci dà una mano
a coprire qualche ora allo stand in maniera che non ci siano
dalla mattina alla sera sempre le stesse persone.

Se qualcuno è disponibile ci faccia sapere
QUANDO ( giorno e da che ora a che ora) facendo un reply
a questo msg o scrivendomi a brmoret@libero.it

Ricordo a chi vuole venire di darsi una mossa perchè
gli alberghi sono già quasi tutti pieni.

A chi è socio UAI ricordo anche che c'è il rinnovo del Consiglio Direttivo della UAI.
In linea con la dignità scientifica della nostra Associazione nazionale
tutti i candidati sono di altissimo livello.
Senza togliere nulla a nessuno e visto che si possono esprimere 4
preferenze, permettetemi di spezzare una lancia e di fare "campagna
elettorale" a favore di:
1) Salvo Pluchino
2) Gianluca Masi
3) Francesca Sodi
4) Giovanni Greatti

1) Salvo Pluchino: è il "NOSTRO" Salvo. Membro del SETI ITALIA Cocconi
dalla sua fondazione, Salvo è stato il fondatore di IARA, Italian Amateurs
Radio Astronomy. Partendo praticamente dal nulla Salvo ed io abbiamo
costruito un'Associazione nazionale che in pochissime settimane ha
raccolto l'entusiastico appoggio di quasi tutto il meglio della
radioastronomia amatoriale e del SETI tricolore sia professionale che non.
Salvo ha anche dato vita alla Sezione di Ricerca Radioastronomia della UAI
della quale è Coordinatore.
http://www.geocities.com/priapus_dionysos/Foto.html
Per coloro che sottovalutano il ruolo "serendip-tubo Venturi" di
SETI@home, Salvo rappresenta l'incarnazione della più plateale delle
smentite: ha iniziato elaborando work units di SETI@home ed ora lavora
all'IRA-INAF presso i radiotelescopi di Medicina (BO) (leggi SETI Italia)
e partecipa a raffinate ricerche internazionali di altissimo livello.
Si occupa anche del raffinamento della KLT in SETI Italia
http://www.geocities.com/priapus_dionysos/KLT.html
e ha realizzato il software del radiotelescopio amatoriale RAL 10 di
Flavio Falcinelli
http://www.geocities.com/priapus_dionysos/Radiotelescopio.html
Sarebbe la prima volta nella quarantennale storia della UAI che la
radioastronomia e il SETI Italiani sarebbero degnamente rappresentati.

2) Gianluca Masi: è una delle punte di diamante dell'astronomia italiana
e, vista l'anagrafica, continuerà ad esserlo ancora per parecchio. Pur
giovanissimo ha un curriculum da paura nel quale è in particolare evidenza
il suo contributo alle scoperte dei primi due esopianeti che portano la
firma anche di italiani.

3) Francesca Sodi: penso sia il caso di riflettere sul fatto che ci sia
una sola candidata dell'altra metà del cielo. Per l'astrofilia tricolore
NON è una bella cosa. Come appassionato studioso di filosofia della
scienza appoggio entusiasticamente la sua candidatura.

4) Giovanni Greatti: per i veci iscritti alla mailing-list setiitalia è il
"nostro" Giovanni.
Con Salvo Pluchino e altri ha partecipato al progetto di Claudio Maccone
del Radiometro Lunare Italiano.

Per i curricula dei candidati vedi Astronomia o
http://astronomix.uai.it/


Cieli sereni & bui!

Bruno Moretti IK2WQA, CICAP Lombardia member
IARA, SETI ITALIA Team G. Cocconi, Sezione di Ricerca Radioastronomia UAI
http://www.geocities.com/priapus_dionysos/bsih.html





------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl