Crisi: agricoltori manifestano in Abruzzo

Oggi, scendono in piazza gli agricoltori abruzzesi che si sono dati appuntamento ad Ortona (Chieti) dove hanno organizzato un corteo di protesta per denunciare il profondo malessere del Settore.

05/dic/2009 12.45.51 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Crisi: agricoltori in agitazione manifestano anche in Abruzzo. Preoccupa una Finanziaria inadeguata per l’attuale situazione.

 

La protesta agricola attraversa tutto il Paese. Oggi in Abruzzo corteo ad Ortona organizzato dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori.

 

Agricoltori in agitazione in tutto il Paese. Manifestazioni, sit-in e cortei ogni giorno. Oggi, scendono in piazza gli agricoltori abruzzesi che si sono dati appuntamento ad Ortona (Chieti) dove hanno organizzato un corteo di protesta per denunciare il profondo malessere del Settore. Nonostante la regione Abruzzo abbia dichiarato lo stato di crisi dell’agricoltura non si placa l’agitazione dei produttori, fortemente preoccupati dall’atteggiamento del Governo nazionale, che continua a non stanziare risorse per fronteggiare la situazione di emergenza. . .

In testa al corteo sfila anche il presidente nazionale della Cia, Giuseppe Politi che si dice “perplesso riguardo la Finanziaria che al momento non recepisce le vere esigenze del settore, con le aziende che invece di svilupparsi chiudono”. Questo territorio -ha continuato Politi- già duramente provato dal terremoto avrebbe bisogno anche di un agricoltura forte che sia motore dell’economia. Senza interventi di sostegno, in questa fase,  non si potrà attivare questo processo virtuoso. Costi troppo alti per le imprese agricole e mercato asfittico.

In questi giorni -ha proseguito il presidente della Cia- gli agricoltori scendono in piazza ovunque, non c’è un solo comparto agricolo sfuggito alla crisi, Dall’olio, agli agrumi, dalla carne ai formaggi si lavora tutti in perdita.

La nostra mobilitazione -ha concluso Politi- andrà avanti ad oltranza in tutte le regioni, nei prossimi giorni potremmo manifestare nuovamente a Roma, con migliaia di agricoltori provenienti da tutta Italia, e difenderemo le nostre ragioni fin quando il Governo non adotterà misure sostenibili per il nostro Settore.

 

5 dicembre 2009

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl