Finanziaria: Cia, per l’agricoltura occorrono altre misure Valorizzare e rispettare il ruolo del Parlamento

Servono misure straordinarie per fronteggiare la grave crisi di mercato e scelte di politica agraria ed economica capaci di valorizzare la produzione agricola e il settore agroalimentare italiano.

10/dic/2009 12.36.50 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Finanziaria: Cia, per l’agricoltura occorrono altre misure
Valorizzare e rispettare il ruolo del Parlamento
 
Il presidente Politi commenta le misure previste per l’agricoltura nel testo approvato dalla Commissione Bilancio della Camera: “Le risorse sono inadeguate e sono stati ignorati importanti capitoli per la nostra agricoltura. Servono misure straordinarie per fronteggiare la grave crisi di mercato e scelte di politica agraria ed economica capaci di valorizzare la produzione agricola e il settore agroalimentare italiano. Il ministro Zaia non dichiara che il Fondo di solidarietà è finanziato in buona parte dagli stessi agricoltori. Proclamare subito lo stato di crisi”.
 
 
            “Il maxiemendamento alla finanziaria, presentato dal Governo, e approvato in sede di Commissione Bilancio della Camera, pur rappresentando un positivo passo in avanti, ottenuto anche per la nostra mobilitazione, non ci soddisfa. Le risorse previste per il Fondo di solidarietà nazionale per oltre la metà sono prelevate dalle “tasche” degli stessi agricoltori attraverso l’articolo 68 e la Ocm vitivinicola e questo non viene dichiarato dal ministro Zaia. Restano, infatti, fuori dalla finanziaria capitoli di sostanziale importanza per gli agricoltori, come la proroga degli sgravi contributivi e previdenziali per le aree svantaggiate e le agevolazioni sui carburanti”. E’ quanto afferma il presidente della Cia, Giuseppe Politi che spiega come le misure previste siano di corto respiro, e non garantiscano il futuro delle imprese agricole né, tanto meno, il rilancio complessivo del settore. Andrebbe -ha continuato Politi- subito proclamato lo stato di crisi di settore e convocato il tavolo agroalimentare per trovare soluzioni tempestive”.
            “Pertanto -ha concluso Politi- prosegue lo stato di mobilitazione della Cia per sollecitare il Parlamento ad utilizzare tutti gli strumenti possibili e necessari per migliorare il testo e renderlo idoneo alle reali esigenze del mondo agricolo. In questo senso chiediamo che non venga utilizzato da parte del Governo lo strumento della richiesta della fiducia”.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl