Maltempo: isolate molte aziende agricole. Difficoltà per il trasporto di latte. A rischio gelate le colture di ortaggi

Maltempo: isolate molte aziende agricole.

26/gen/2010 15.26.23 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Maltempo: isolate molte aziende agricole. Difficoltà
per il trasporto di latte. A rischio gelate le colture di ortaggi
 
La Cia sottolinea una situazione complessa e denuncia danni per le coltivazioni orticole in campo aperto. Problemi per le forti nevicate, la pioggia abbondante e gli smottamenti dei terreni. Preoccupazione per l’annunciata ondata di freddo che dovrebbe colpire la Penisola nei prossimi giorni.
 
Le conseguenze del maltempo si abbattono pesantemente anche sull’agricoltura. Le copiose nevicate e le intense piogge hanno reso impraticabili diverse strade di campagna che conducono alle imprese agricole, molte delle quali risultano isolate. In grave pericolo gli approvvigionamenti (mangime e foraggio) per il bestiame, mentre si cominciano a verificare prime difficoltà nel trasporto del latte. A rischio gelate le colture di ortaggi in campo aperto. E’ quanto mette in evidenza la Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale altri danni si aggiungono a quelli delle scorse settimane. Particolarmente colpite serre e alcune strutture aziendali, come le stalle. Diverse coltivazioni orticole, a causa degli allagamenti e degli smottamenti dei terreni, sono andate distrutte.
La neve, oltre al traffico automobilistico, sta, dunque, avendo ripercussioni anche sul settore agricolo. I disagi per gli agricoltori -avverte la Cia- sono molti. C’è difficoltà per gli spostamenti nelle zone rurali, con le strade campestri imbiancate. Ma problemi si registrano pure per le vie comunali e provinciali che si trovano a ridosso delle aziende agricole, delle serre e delle stalle.
A preoccupare, comunque, è il gelo che mette a rischio le colture orticole. Danni si registrano già in alcune zone dove sono andate distrutte coltivazioni in campo aperto di zucchine, di insalate, di cavoli, di cavolfiori, di cicoria, di radicchio, di verza. Preoccupazioni avvalorate anche dai metereologi che prevedono, a partire da domani e sino al 2-3 febbraio prossimi, temperature in forte discesa, con gelate diffuse durante la notte sino al mattino inoltrato e con nevicate abbastanza copiose su tutti i rilievi alpini e su quelli dell'Appennino settentrionale e centrale. Questi fenomeni, unitamente a precipitazioni diffuse anche temporalesche di notevole intensità e associate a venti talora impetuosi, interesseranno prima le regioni del Centro-Nord e successivamente quelle meridionali. Fiocchi di neve occasionalmente potranno aversi anche a quote pianeggianti. L'aria fredda ed il gelo dovrebbero toccare l'intensità massima nei giorni che vanno dal 30 gennaio al 3 febbraio.
La Cia sta organizzando sul territorio centri di assistenza per gli agricoltori e sta portando avanti un’attenta attività di monitoraggio. Si cerca di valutare le varie situazioni al fine di chiedere lo stato di calamità per venire incontro agli imprenditori agricoli colpiti.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl