In dieci anni un “taglio” del 30 per cento per i redditi degli agricoltori italiani. Costi sempre piùopprimenti e crollo dei prezzi sui campi

Ben diverso l'andamento reddituale agricolo, seppur minimamente, in Germania, dove dal 2000 al 2007 si registra un incremento di circa il 33 per cento.

28/gen/2010 15.04.23 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
In dieci anni un “taglio” del 30 per cento per i redditi degli agricoltori italiani. Costi sempre più opprimenti e crollo dei prezzi sui campi
 
La Cia evidenzia una situazione drammatica per le imprese. Con la caduta libera (meno 25,3 per cento) registrata lo scorso anno, i nostri produttori occupano il fanalino di coda nella classifica Ue. Dal 2000 al 2009 è stata una continua discesa. Ma lo scenario comincia a farsi oscuro anche per i produttori agricoli europei che registrano, in media, una flessione reddituale del 12,2 per cento.
 
In dieci anni, dal 2000 al 2009, i redditi degli agricoltori italiani sono crollati del 30 per cento. Nello stesso periodo i costi per i mezzi di produzione, dei contributi e quelli burocratici sono cresciuti di oltre il 15 per cento, mentre i prezzi praticati sui campi sono scesi del 18 per cento. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori per la quale la situazione dei nostri produttori è sempre più preoccupante e, in ambito europeo, sono quelli che hanno subito gli effetti più drammatici di una crisi che non accenna a stemperarsi.
Il colpo di grazia per i redditi degli agricoltori italiani è venuto -afferma la Cia- lo scorso anno, quando sono crollati del 25,3 per cento. Il calo più accentuato degli ultimi dieci anni che pure, nonostante i dati positivi del 2004 e del 2008 (rispettivamente più 3,5 per cento e più 2 per cento) avevano segnato un continuo andamento al ribasso, con punte del meno 10,4 per cento nel 2005 e del meno 3,4 per cento nel 2006.
Dal 2000 -rimarca la Cia- è stato così un crollo verticale per i redditi agricoli italiani. Ben diversa la situazione per quelli Ue che, nel periodo 2000-2008 (ultimo dato disponibile) hanno registrato, complessivamente, un aumento del 17 per cento. I nostri imprenditori hanno visto così scendere la loro redditività con una media superiore al 2 per cento annuo. Ma lo scorso anno la situazione è precipitata in maniera drammatica, determinando il calo più marcato tra i paesi europei.
Ben diverso l’andamento reddituale agricolo, seppur minimamente, in Germania, dove dal 2000 al 2007 si registra un incremento di circa il 33 per cento. Cifra raggiunta anche nel Regno Unito. Meno accentuata la crescita in Francia (più 5,6 per cento) e in Spagna (più 5,3 per cento).
Il positivo trend europeo, tuttavia, si è invertito drammaticamente nel corso del 2009, quando -secondo le stime di Eurostat- si è avuta una flessione del 12,2 per cento rispetto all’anno precedente. Ma anche nel 2008 si era avuta una diminuzione per reddito medio reale per ogni agricoltore Ue pari al 2,5 per cento rispetto al 2007.
La caduta in Europa del reddito in agricoltura nello scorso anno -rimarca la Cia sulla base dei dati Eurostat- è stata determinata dal calo (meno 6,3 per cento) dei prezzi all’origine, dalla contrazione dei volumi acquistati da parte degli agricoltori (meno 3,1 per cento), da un forte aumento dei costi produttivi (più 10 per cento dal 2000 al 2009), da una riduzione della manodopera (meno 2,2 per cento).
Oltre che in Italia, seguita in classifica soltanto dall’Ungheria (meno 35,6 per cento), i redditi agricoli sono calati significativamente anche in Lussemburgo (meno 25,1 per cento), nella Repubblica Ceca (meno 24,1per cento) e in Irlanda (meno 22,3 per cento), in Germania (meno 21 per cento). A due cifre anche il calo di Francia (meno 19,8 per cento) e di Austria (meno 20,4 per cento). In rialzo, al contrario, sempre secondo i dati di Eurostat, i redditi del Regno Unito (più 14,3 per cento), Malta (più 9,1 per cento) e della Finlandia (più 2,6 per cento), gli unici paesi Ue con il segno positivo insieme a Grecia (più 1 per cento) e Cipro (più 1,1 per cento).
Nel 2009 -sostiene la Cia- la più forte riduzione dei prezzi agricoli nell’Ue si è avuta per i cereali (meno 27,5 per cento) seguita dal florovivaismo (meno 15,6 per cento), dall’olio d’oliva (meno 14,7 per cento) e dalla frutta (meno 12,3 per cento). Quanto al comparto dell’allevamento, le più significative diminuzioni dei prezzi riguardano il latte (meno 20,3 per cento), i suini (meno 4,2 per cento) e i bovini (meno 1,8 per cento).
 
 
Così i redditi degli agricoltori italiani in dieci anni

2000 +1,6%
2001 -1,8%
2002 -2,6%
2003 -2,2%
2004 +3,5%
2005 -10,4%
2006 -3,4%
2007 -2,0%
2008 +2,0%
2009 -25,3%



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl