Domani il via alla V Assemblea elettiva della Cia: agricoltori protagonisti e politiche mirate allo sviluppo e alla competitività

23/feb/2010 12.21.23 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Domani il via alla V Assemblea elettiva della Cia: agricoltori
protagonisti e politiche mirate allo sviluppo e alla competitività
 
I lavori, che si concluderanno nella giornata di venerdì 26 febbraio, saranno aperti da una relazione del presidente nazionale Giuseppe Politi. Presenti numerosi rappresentanti delle istituzioni, delle forze politiche, economiche, sociali e del mondo agricolo. Verranno presentate valide proposte per far uscire il settore da una profonda crisi e ridare slancio e vigore alle imprese.
 
Agricoltori veri protagonisti, politiche più attente ed incisive a sostegno del settore e delle imprese, Conferenza nazionale sull’agricoltura e lo sviluppo rurale, unità del mondo agricolo, rafforzamento dell’associazionismo e della cooperazione, una Pac realmente rispondente alle esigenze dei produttori, lotta alla criminalità organizzata che sta estendendo la sua azione anche nelle campagne, deciso impegno contro le imitazioni del “made in Italy”, le frodi e le sofisticazioni alimentari, ruolo determinante delle aziende agricole al benessere sociale e alla tutela del territorio e dell’ambiente. Su questi temi ruoterà la V Assemblea elettiva nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori che si aprirà domani 24 febbraio a Roma, presso il Palazzo dei Congressi dell’Eur, per concludersi nella giornata di venerdì 26 febbraio.
L’Assemblea, che è preceduta da oltre 1100 Assemblee comunali, da 101 Assemblee provinciali e interprovinciali e 20 regionali e che ha, appunto, come tema “Agricoltori protagonisti. Insieme per vincere”, sarà aperta dalla relazione del presidente nazionale Giuseppe Politi che toccherà tutti i principali problemi che oggi condizionano pesantemente il settore, dove le imprese fanno i conti con un crollo record di prezzi e redditi e con una forte crescita dei costi produttivi, contributivi e burocratici.
Politi, comunque, non si limiterà alla sola analisi. Nella sua relazione di apertura, verranno indicate con chiarezza le scelte da compiere per far uscire l’agricoltura da una delle più difficili crisi degli ultimi trent’anni e per ridare slancio e vigore alle imprese che devono necessariamente riprendere la strada dello sviluppo e della competitività.
Il presidente della Cia chiederà con estrema decisione un vero cambiamento nella politica agricola del nostro Paese. Finora, d’altra parte, l’attenzione nei confronti del settore è stata molto scarsa. L’interesse delle istituzioni, a cominciare da Governo, Parlamento e Regioni, non è stato affatto adeguato alla gravità della situazione che vivono migliaia di imprese agricole.
Una richiesta che sarà rivolta direttamente ai tanti rappresentanti delle istituzioni delle forze politiche, economiche, sociali e del mondo agricolo che parteciperanno all’Assemblea della Cia. Tra gli altri, hanno, infatti, annunciato la partecipazione, Luca Zaia, ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Paolo Scarpa Bonazza, presidente della Commissione Agricoltura del Senato, Paolo Russo, presidente della Commissione Agricoltura della Camera, Gianni Alemanno, sindaco di Roma, Pierluigi Bersani, segretario del Pd, Pierferdinando Casini, presidente dell’Udc, Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc, Antonio Di Pietro, presidente dell’Idv, Paolo De Castro, presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Sergio Marini, presidente della Coldiretti, Federico Vecchioni, presidente della Confagricoltura, Franco Verrascina, presidente della Copagri, Guglielmo Epifani, segretario generale della Cgil, Carlo Sangalli, presidente della Confcommercio, Marco Venturi, presidente della Confesercenti, Daniele Kraus, vicedirettore generale della Confindustria.
Saranno, insomma, tre giorni di intenso lavoro durante i quali la Cia presenterà, nell’ambito del Patto con la società, un vero e nuovo progetto per l’agricoltura che deve essere una reale protagonista nel sistema socio-economico ed essere considerata per una forza in grado di contribuire, attraverso l’azione incessante dei suoi imprenditori, allo sviluppo del Paese.
 

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl