Ogm: arrivi al più presto anche la controfirma del ministro dell’Ambiente. Così stop definitivo al biotech in agricoltura

07/apr/2010 17.36.43 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ogm: arrivi al più presto anche la controfirma del ministro
dell’Ambiente. Così stop definitivo al biotech in agricoltura
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi commenta positivamente la firma al decreto anti-transgenico da parte del ministro della Salute. Bisogna porre fine ad una querelle che dura da troppo tempo. All’agricoltura italiana non servono gli organismi geneticamente modificati.
 
“E adesso ci auguriamo che arrivi al più presto anche la firma del ministro dell’Ambiente dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Stefania Prestigiacomo. Così si pone la parola fine ad una querelle che dura da alcune settimane e apertasi subito dopo il decreto anti-Ogm siglato dal ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia. In questo modo si blocca definitivamente il biotech in agricoltura”. Il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi commenta la controfirma del provvedimento da parte del ministro della Salute Ferruccio Fazio.
Politi ribadisce che “l’agricoltura italiana, tipica e diversificata, non ha bisogno degli Ogm. E, quindi, abbiamo accolto con apprezzamento il decreto che blocca nel nostro Paese le coltivazioni transgeniche”.
“Questo decreto -sottolinea il presidente della Cia- l’avevamo sollecitato subito dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato. E, oggi, anche in seguito alle decisioni assunte a livello Ue, in particolare il via libera alla patata transgenica ‘Amflora’, diventa ancora più importante avere una politica chiara su un argomento così delicato che investe la sfera etica”.
“La contrarietà della Cia agli organismi geneticamente modificati -rimarca Politi- non è ideologica. Siamo, infatti, convinti che in Italia ed in Europa è possibile produrre colture proteiche libere da Ogm, con beneficio per l’ambiente, la salute, nonché per migliorare il reddito degli agricoltori e degli allevatori”.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl