CACCIA AL RISTORANTE CON L'ORTO

CACCIA AL RISTORANTE CON L'ORTO 10 aprile 2010 Vinitaly: nuove tendenze; aperta la "caccia" ai ristoranti con "l'orto di prossimità" L'accordo Agia-Cia e Jre introduce un nuovo elemento di qualità e una garanzia fondamentale per il consumatore: poter prendere visione delle terre da cui nascono la verdura e la frutta che si ritrovano nel piatto.

10/apr/2010 15.17.37 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

10 aprile 2010

 

 

 

Vinitaly: nuove tendenze; aperta  la “caccia” ai ristoranti con “l’orto di prossimità”

 

L’accordo Agia-Cia e Jre introduce un nuovo elemento di qualità e una garanzia fondamentale per il consumatore: poter prendere visione delle terre da cui nascono la verdura e la frutta che si ritrovano nel piatto. L’obiettivo fissato per il 2011 è di 80 ristoranti “orto muniti” su tutto il territorio nazionale.  

 

 

L’orto di prossimità per i ristoranti è la classica idea semplice che porta vantaggi concreti a tutti i soggetti interessati: l’agricoltore può pianificare e ottimizzare le sue produzioni, grazie alla richiesta preventiva del ristoratore in fase di semina, il ristoratore dal canto suo può disporre di materie prime di grande qualità a prezzi convenienti e il consumatore è garantito al 100 per cento sugli alimenti che gli vengono somministrati. Da qui, l’intesa tra JRE e Agia, cioè tra i giovani ristoratori europei e l’Associazione giovani imprenditori agricoli aderenti alla Cia, che hanno deciso di puntare forte su questa nuova sinergia. L’occasione per lanciare questo accordo è stata il Vinitaly 2010, una sede non casuale perché il lavoro sugli orti di prossimità può divenire un traino forte per accordi, tra giovani ristoratori e giovani agricoltori, anche su produzioni come il vino e l’olio extravergine.

“Stiamo mappando il territorio -hanno spiegato i rappresentanti di Agia-Cia e JRE- incrociando i dati delle reciproche basi associative, e quindi partendo dall’ubicazione dei ristoranti si segnalano le aziende agricole più vicine che abbiano le caratteristiche idonee allo scopo. Certamente, “l’adozione dell’orto” da parte del giovane chef-ristoratore, passa necessariamente attraverso una buona affinità  sulle scelte colturali e sul reciproco vantaggio, oltre che su un rapporto fiduciario  con il giovane agricoltore.

“Ragionevolmente -hanno annunciato  JRE e Agia-Cia- entro il 2011 saranno almeno 80 i ristoranti in Italia che potranno vantare un proprio orto di prossimità, da esibire alla clientela”.

Anche a livello di business -hanno concluso  i rappresentanti dei giovani ristoratori e agricoltori- stiamo parlando di decine di milioni di euro, ricavati da un circuito commerciale nuovo e virtuoso, con un  risparmio evidente sulla logistica e sugli sprechi.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl