INVITO- "Cosa mangiano gli animali che mangiamo ?"

05/dic/2010 12.30.17 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                                                        12 maggio 2010

 

 
INVITO

 

“Cosa mangiano gli animali che mangiamo?”


Carne, latte, formaggi, salumi e uova, tutti alimenti di derivazione animale al centro della nostra dieta quotidiana. Mentre l’opinione pubblica italiana e mondiale si interroga sulla qualità degli alimenti e si divide sugli Ogm, in pochi si soffermano sull’alimentazione animale che risulta invece fondamentale nei vari processi della catena alimentare. “Mucca pazza” ci ricorda cosa possa significare un’alimentazione animale poco controllata e non sana. Ma qual è la situazione mangimistica a livello nazionale e internazionale, quali prodotti vengono utilizzati negli allevamenti, cosa impongono le leggi su questa materia?

In occasione della presentazione alla stampa dell’iniziativa nazionale di VAS “Mangiasano”, giunta alla sua quinta edizione, i presidenti di Cia-Confederazione italiana agricoltori e Vas, Giuseppe Politi e Guido Pollice, illustreranno ai giornalisti l’attuale situazione mangimistica italiana, oltre che le proposte per garantire al nostro bestiame un’alimentazione sicura e soprattutto priva di organismi geneticamente modificati.

L’incontro Stampa, si svolgerà venerdì 14 maggio alle ore 10.30, presso il giardino della sede nazionale della Cia a Roma, in Via Mariano Fortuny, 20.

Considerata l’importanza dei temi trattati, dell’attualità e dei risvolti economici e salutistici connessi al cibo, conto sull’attenzione all’invito e ad una Vostra qualificata presenza per garantire a consumatori e agricoltori una corretta ed esaustiva informazione.

 Vi aspettiamo

                                                                Alfredo Bernardini

 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl