Mondiali: inchiodati davanti alla Tv sarà "boom" dei consumi di frutta, soprattutto di IV gamma , sbucciata, lavata e pronta all'uso. S'annunciano record anche per meloni e angurie

06/nov/2010 12.16.24 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Mondiali: inchiodati davanti alla Tv sarà “boom” dei consumi
di frutta, soprattutto di IV gamma, sbucciata, lavata e pronta
all’uso. S’annunciano record anche per meloni e angurie
 
Un’indagine della Cia evidenzia una crescita complessiva del 6 per cento. Ma per i prodotti in vaschetta si prevede, nelle prossime quattro settimane, una crescita anche del 15 per cento rispetto ai consumi abituali. Un incremento di cui sarà complice anche il caldo. Si conferma così un trend positivo per l’intero settore frutticolo, i cui acquisti sono aumentati del 3,9 per cento nel 2009 e del 4,4 per cento nel primo trimestre 2010.
 
I mondiali di calcio sono appena iniziati e già si annuncia un record. E’ quello dei consumi di frutta fresca che nelle prossime quattro settimane (fino, cioè, alla conclusione del torneo del Sudafrica) dovrebbero crescere del 6 per cento, con punte del 10 per cento per meloni e angurie. Ma a fare da padrone saranno i prodotti di IV gamma (frutta pronta per l’uso e che il consumatore può trovare in comode vaschette, già lavata e tagliata) che dovrebbero segnare una crescita anche del 15 per cento rispetto ai consumi abituali. Quindi, davanti ai televisori gli italiani durante la programmazione delle oltre sessanta partite non sgranocchieranno soltanto snack dolci e salati o berranno unicamente bevande gassate. E’ quanto evidenzia la Cia-Confederazione italiana agricoltori che ha condotto un’indagine a livello territoriale, interpellando produttori, distributori e semplici cittadini.
          Indubbiamente, ad influire sull’impennata dei consumi di frutta fresca -avverte la Cia- sarà anche il caldo torrido che in queste ore ha cominciato a farsi sentire in maniera pesante. L’“effetto-mondiale”, tuttavia, sarà determinante nella crescita di acquisti. Un aumento che s’inserisce in un quadro positivo nelle vendite domestiche di frutta che nel primo trimestre del 2010 hanno segnato un incremento in quantità del 4,4 per cento rispetto all’analogo periodo del 2009, anno in cui si è già avuta una crescita dei consumi, sempre in quantità, pari al 3,9 per cento.
In tale contesto, da rilevare che a livello di aree geografiche nel 2009 -come segnala anche l’Ismea- l’incremento delle quantità acquistate ha interessato tutte le aree anche se al Sud l’incremento è stato superiore. Nel primo trimestre 2010 gli incrementi maggiori sono stati registrati nell’area Nord-Ovest. Per quanto concerne i canali di vendita, i discount ed i “liberi servizi” sono stati i punti che hanno maggiormente accresciuto le vendite di frutta fresca. Più limitato è stato l’incremento delle vendite nei super ed ipermercati.
Soprattutto frutta di IV gamma, meloni e angurie saranno, dunque, il piatto forte davanti ai televisori. La frutta sbucciata, lavata e pronta al consumo ha avuto, d’altra parte, in questi ultimi anni un deciso aumento nelle vendite. Sono prodotti minimamente trasformati e senza alcun tipo di additivo. Caratteristiche che conferiscono una forte connotazione di freschezza ed una notevole comodità d'uso.
Nel 2008 e nel 2009 il volume del mercato della IV gamma a livello nazionale si è attestato sui 700 milioni di euro. E l'Italia è al secondo posto dopo la Gran Bretagna per dimensioni del volume d'affari nel settore. Per la sola frutta si è avuto negli ultimi dieci anni un raddoppio nei consumi.
Saranno molti gli italiani che nei prossimi giorni, complici le alte temperature e le ondate di calore, si rivolgeranno anche verso angurie e meloni, due prodotti che possiedono grandi proprietà dissetanti. L’anguria, infatti, è composta di acqua per il 95 per cento, mentre il melone per il 90 per cento. Il resto è composto da zuccheri, vitamine e sali minerali. In quantità decisamente modeste le calorie di entrambi.
L’anguria -rileva La Cia- svolge una buona azione diuretica. Nonostante il gusto dolce, conferitogli da particolari sostanze aromatiche, ha un basso contenuto di zuccheri (4 per cento ) ed è, fra i frutti polposi, il meno calorico.
Originaria dell’Africa, l’anguria appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, come il melone, lo zucchino e il cetriolo, ed ha un curioso nome scientifico “citrullus vulgaris” (dal latino cetriolo). Il frutto può superare anche i 20 kg di peso.
Anche il melone, come l’anguria, è nato sotto il sole africano. Accompagnato da fette di prosciutto costituisce un piatto classico dell’estate.
Sia angurie che meloni sono coltivati -sostiene la Cia- un po’ in tutte le regioni italiane, ma soprattutto al Sud e al centro la produzione è consistente. Tuttavia, anche in alcune zone del Nord ci sono molte coltivazioni di questi particolari frutti dell’estate.
E così, dopo anni di cali continui, gli italiani ricominciano a scoprire la frutta, le sue virtù e i suoi benefici protettivi. Da studi recenti, infatti, risulta che il nostro organismo necessita di consumare cinque porzioni di frutta e verdura al giorno, di cinque colori diversi possibilmente, per ricevere la giusta quantità di vitamine, sali minerali e antiossidanti.
D’altra parte, anche il ministero della Salute -ricorda la Cia- tra le regole per combattere il caldo, soprattutto per anziani e bambini, consiglia di consumare più frutta fresca che, oltre alle proprietà organolettiche, contiene fino al 90 per cento di acqua.
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl