Lavoro: bene l'indagine della Camera. Un fermo impegno contro "sommerso", sfruttamento e caporalato

Teresa Bellanova, componente della Commissione Lavoro della Camera; l'alleggerimento degli oneri sul costo del lavoro che gravano sulle imprese e determinano fenomeni di dumping; l'introduzione di forme di premialità per le imprese virtuose.

14/giu/2010 16.14.48 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Lavoro: bene l’indagine della Camera. Un fermo
impegno contro “sommerso”, sfruttamento e caporalato
 
La Cia esprime apprezzamento per il documento che rappresenta una base di partenza per sconfiggere ogni illegalità. Indispensabile alleggerire gli oneri sul costo del lavoro che gravano sulle aziende e determinano fenomeni di dumping. Introdurre forme di premialità per le imprese virtuose.
 
La presentazione oggi alla Camera degli atti dell’Indagine conoscitiva su “Taluni fenomeni distorsivi del mercato del lavoro” (lavoro nero, caporalato e sfruttamento della manodopera straniera) della Commissione Lavoro, rappresenta una base importante dalla quale partire per contrastare il lavoro sommerso. E’ quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.
In particolare, la Cia. condivide l’analisi del fenomeno rappresentata nell’indagine, ovvero un quadro non univoco di situazioni che vanno affrontate in modo mirato e non generico, azionando le leve più diverse e realizzando politiche di ampia portata con il contributo di tutte le parti interessate.
Tra queste leve -evidenzia la Cia- vanno sottolineate: la semplificazione delle norme sul lavoro degli stranieri, come ha ricordato anche l’on. Teresa Bellanova, componente della Commissione Lavoro della Camera; l’alleggerimento degli oneri sul costo del lavoro che gravano sulle imprese e determinano fenomeni di dumping; l’introduzione di forme di premialità per le imprese virtuose.
A tal proposito la Cia si augura che gli spunti provenienti dall’indagine possano tradursi presto in una proposta legislativa. Nello stesso tempo per le forme più gravi di sfruttamento della manodopera va senza alcuna esitazione perseguita l’azione di controllo e la repressione, così come le pene per detti reati devono essere durissime e, se necessario, inasprite.
Indubbiamente -sostiene la Cia- se anche le parti sociali attraverso la bilateralità sapranno offrire una valida alternativa alle varie forme di caporalato, presenti soprattutto nel Sud, vi saranno più chance di incidere su tale fenomeno e sottrarre sempre più aziende e lavoratori alla sfera dell’irregolarità.
Da ultimo la Cia esprime un particolare apprezzamento per l’invito del presidente della Camera Gianfranco Fini affinché su temi così socialmente rilevanti, dai quali si evince il livello di civiltà di un paese, si possa uscire da un clima di perenne contrasto ideologico -come dimostra l’Indagine- e si possa agire tenendo conto dell’interesse generale.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl