Maltempo: campagne sott'acqua. Danni per oltre 100 milioni di euro.

Distrutte molte produzioni agricole Danni per oltre 100 milioni di euro.

21/giu/2010 11.07.47 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
N. 267    21 giugno 2010
 
 
Maltempo: campagne sott’acqua. Distrutte molte produzioni agricole
Danni per oltre 100 milioni di euro. Subito lo stato di calamità
 
La Cia segnala una grave situazione per l’agricoltura. Molti i terreni coltivati allagati. Devastati frutteti, orti, campi di grano e mais, strutture aziendali. Diversi gli smottamenti. Esondati molti torrenti e fiumi.
 
I danni ammontano ormai ad oltre 100 milioni di euro. Per l’agricoltura è piena emergenza. Le campagne, soprattutto al Nord, ma anche in alcune zone del Centro, sono sott’acqua. L’ondata di maltempo che ha colpito in questi giorni il Paese, con piogge, temporali, nubifragi violenti, grandinate, ha distrutto frutteti, orti a cielo aperto, vitigni, coltivazioni di mais e di grano. Tante le semine perse. Devastate serre e strutture aziendali; fuori uso macchinari agricoli coperti di fango. Numerosi gli smottamenti dei terreni, come le frane che hanno interrotto diverse strade rurali. Molte le esondazioni di fiumi e di laghi. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori che si è immediatamente attività per un completo monitoraggio della situazione e ha chiesto lo stato di calamità per i territori sconvolti dalle intemperie.
Secondo la Cia, danni gravissimi si hanno soprattutto per il settore dell’ortofrutta. In molte zone sono stati colpiti frutteti (susini, ciliegi, peschi, albicocchi), il cui raccolto rischia di andare distrutto a causa soprattutto  della grandine che si è abbattuta con straordinaria violenza. Non è andata meglio per gli ortaggi che in questo periodo cominciano ad essere abbondanti nei campi. Pesanti conseguenze si registrano per le colture di melanzane, pomodori, zucchine, cavolfiori, spinaci, insalate. Particolarmente difficile anche la situazione sul fronte del grano e del mais. Molti i terreni allagati, mentre in altri appena seminati, appunto, a mais c’è l'esigenza di riseminare.
Destano grande preoccupazione i fiumi e laghi, che hanno ormai superato i livelli di guardia. Molti torrenti di montagna e di collina sono esondati, allagando campagne e terreni coltivati.
La pioggia, che si è abbattuta per ore e con grande intensità, ha provocato, inoltre, allagamenti di aziende agricole. Molti -avverte la Cia- sono stati gli smottamenti e le frane. Mentre le forti folate di vento (in alcune zone ci sono state violente trombe d’aria) hanno avuto conseguenze per le serre e le attrezzature aziendali.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl