Anche la Cia in campo per la legalità e contro le mafie

07/ago/2010 16.33.38 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Anche la Cia in campo per la legalità e contro le mafie
 
La Confederazione parteciperà alla grande iniziativa che si svolgerà sabato prossimo 10 luglio a Isola Capo Rizzuto (Crotone) promossa dopo i vili attentati agli amministratori  comunali.
 
Anche la Cia-Confederazione italiana agricoltori scende in campo contro la criminalità organizzata, per il rispetto della legge, per la democrazia, per la convivenza civile. Dopo i vili atti intimidatori perpetrati ai danni del sindaco di Isola Capo Rizzuto (Crotone) Carolina Girasole e degli amministratori comunali, l’organizzazione professionale agricola parteciperà, infatti, alla manifestazione che si terrà proprio a Isola Capo Rizzuto sabato prossimo 10 luglio (ore 18 Municipio, via degli Apostoli) promossa su iniziativa di “Libera, associazione nomi e numeri contro le mafie”, da “Cooperare con Libera Terra”, e da “Avviso pubblico, Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie".
Si tratta di un’iniziativa, che sotto lo slogan “Portiamo in piazza la freschezza di libertà e di legalità”, vuole essere di concreto sostegno nei confronti dell’amministrazione comunale, dei cittadini e dell’associazionismo.
All’indomani degli attentati che avevano colpito gli amministratori comunali, la Cia, attraverso il presidente Giuseppe Politi, aveva espresso la ferma condanna e la più viva solidarietà, sottolineando il deciso impegno a contrastare ogni forma di violenza e di sopruso e per l’affermazione dell’onestà e la giustizia.
“La nostra confederazione -aveva rimarcato il presidente della Cia- è al fianco della gente onesta, degli amministratori coraggiosi che, insieme alle forze dell’ordine, alla magistratura, all'Associazione “Libera”, alle organizzazioni di categoria, si impegnano con senso di responsabilità per l’affermazione della cultura della legalità e del lavoro''.
E anche in questo frangente la Cia ribadisce l’esigenza di contrastare le mafie sotto qualsiasi forma si manifestino, portando avanti una lotta senza interruzioni e tentennamenti, in modo che trionfi un’economica sana, improntata alla legalità”.
In tale contesto da rilevare che “Libera” aveva sottoscritto nel 2008 un protocollo di collaborazione con la Cia che, attraverso le sue strutture e i suoi tecnici, fornisce consulenza e assistenza alle cooperative e ai soci del progetto “Libera Terra” nella gestione dei terreni confiscati alla criminalità organizzata.
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl