Quote latte: è una partita che va chiusa in modo definitivo

Quote latte: è una partita che va chiusa in modo definitivo 22 ottobre 2010 Quote latte: è una partita che va chiusa in modo definitivo Il presidente della Cia Giuseppe Politi riafferma l'esigenza del rispetto della legge.

22/ott/2010 14.49.13 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
22 ottobre 2010
 
Quote latte: è una partita che va chiusa in modo definitivo
 
Il presidente della Cia Giuseppe Politi riafferma l’esigenza del rispetto della legge. “No” a ulteriori proroghe per il pagamento delle multe.
 
“Bisogna mettere una volta per tutte la parola fine alla vicenda quote latte. Già c’è stato un ‘colpo di mano’ che ha permesso una proroga per il pagamento delle multe al 31 dicembre prossimo. Ora basta. C’è una legge dello Stato che va rispettata. Per questo ribadiamo la nostra contrarietà a riaprire, come è stato ventilato da notizie di agenzia di stampa, i termini di adesione alla sanatoria prevista della legge 33. Ciò significherebbe provocare ulteriori intralci e difficoltà. Chi doveva pagare aveva tutto il tempo per farlo. Non possiamo rimettere in gioco il tutto per pochi splafonatori, che non sono stati alle regole, a danno dei tantissimi allevatori onesti”. Lo ha affermato il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi.
“Alla luce di tale situazione non possiamo che ribadire -ha aggiunto Politi ricordando quanto sostenuto in un documento della Cia- la richiesta di dare finalmente certezze agli allevatori. In questo senso è necessario il massimo rispetto della legislazione vigente, provvedendo da subito alla revoca delle nuove quote assegnate a quei produttori che non hanno rispettato le possibilità di messa in regola previste dalla legge 33. Inoltre, vanno riattivate le procedure esattive previste per gli inadempienti”.
“Infine, confermiamo la nostra opposizione ad ulteriori proroghe per il pagamento delle multe, mentre risulta necessario -ha concluso il presidente della Cia- un intervento legislativo che permetta l’immediata attivazione del fondo di 45 milioni di euro previsto per gli allevatori che hanno investito nel passato in acquisto di quote latte”.
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl