Ambiente: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti penalizza le imprese agricole e cooperative. Indispensabile una proroga di un anno

16/dic/2010 11.25.42 Confederazione italiana agricoltori Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ambiente: il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti penalizza le imprese agricole e cooperative. Indispensabile una proroga di un anno
 
Preoccupati per le conseguenze che comporterà l’entrata in vigore del Sistri dal primo gennaio 2011, i presidenti di Cia, Confagricoltura, Copagri, Fedagri-Confcooperative Legacoop-Agroalimentare e Agci-Agrital scrivono al presidente del Consiglio Berlusconi e al ministro dell’Ambiente Prestigiacomo e sollecitano un pronto intervento. Serve un ulteriore periodo di riflessione per superare le criticità ancora esistenti.
 
Una proroga del periodo di sperimentazione di almeno un anno per il Sistri, il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti che diverrà operativo dal primo gennaio 2011. Si tratta di una misura indispensabile per consentire a tutti gli operatori di acquisire sufficiente dimestichezza con i nuovi strumenti e procedure e, nel contempo, per arrivare alla definizione normativa dei punti lacunosi della nuova disciplina. Questa la richiesta contenuta in una lettera inviata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e al ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo da parte dei presidenti di Cia-Confederazione italiana agricoltori Giuseppe Politi, di Confagricoltura Federico Vecchioni, di Copagri Franco Verrascina, di Fedagri-Confcooperative Maurizio Gardini, di Legacoop-Agroalimentare Giovanni Luppi e di Agci-Agrital Giampaolo Buonfiglio.
I presidenti segnalano, infatti, problematiche del nuovo sistema di tracciabilità a seguito delle notevoli difficoltà riscontrate dalle aziende nell’applicazione di tale sistema. “Numerose sono le questioni ancora irrisolte, a livello interpretativo e operativo, che potrebbero -scrivono nella lettera- esporre a sanzioni le imprese obbligate, benché incolpevoli”.
In particolare, viene evidenziato che “a tutt’oggi, nonostante le proroghe intervenute, non risultano consegnati o funzionanti numerosi dispositivi elettronici necessari alla gestione del sistema. Anche a livello formativo sono riscontrabili carenze non colmate dai limitati incontri di approfondimento rivelatisi insufficienti ad un’adeguata preparazione degli operatori”.
Inoltre, anche sul piano normativo -avvertano i presidenti delle organizzazioni agricole e cooperative- “persistono lacune e disarmonie che non abbiamo mancato di sottolineare negli incontri tecnici in sede ministeriale”.
I presidenti ritengono, infine, “necessario un maggiore sforzo per delineare -per le piccole e piccolissime imprese, spesso sfornite degli strumenti informatici e telematici necessari- un percorso di adesione al sistema Sistri che, mantenendo l’efficacia in merito alla tracciabilità dei rifiuti, non generi costi economici e burocratici aggiuntivi, difficilmente sostenibili e non coerenti con le esigenze di semplificazione che il sistema delle imprese pone”.
Da qui la richiesta dei presidenti di “un autorevole intervento” per “un indispensabile ulteriore periodo di riflessione per superare le criticità ancora esistenti” e, quindi, la concessione di una proroga di almeno un anno dell’entrata in vigore del Sistri.
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl