L’Ordine degli Ingegneri di Udine riunisce 250 professionisti a confronto sulla L.R. 16/2009

L'Ordine degli Ingegneri di Udine riunisce 250 professionisti a confronto sulla L.R. 16/2009 Grande successo per l'incontro tenutosi alla presenza di 250 professionisti, organizzato dalla Commissione Strutture dell'Ordine degli Ingegneri di Udine per un'attenta analisi delle problematiche emerse dal primo periodo di applicazione della Legge Regionale 16/2009.

21/dic/2010 12.01.24 Blu Wom Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Grande successo per l’incontro tenutosi alla presenza di 250 professionisti, organizzato dalla Commissione Strutture dell’Ordine degli Ingegneri di Udine per un’attenta analisi delle problematiche emerse dal primo periodo di applicazione della Legge Regionale 16/2009.

 

Si è svolto l’incontro per la disamina degli effetti derivanti dal primo periodo di applicazione della L.R. 16/2009, sulle “Norme per la costruzione in zona sismica e per la tutela fisica del territorio”, organizzato dalla Commissione Strutture dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Udine, coordinata dall’Ing. Alessandra Gubana.

L’iniziativa si è rivelata di grande interesse per gli oltre 250 professionisti partecipanti e si è svolta con il contributo dei  componenti dell’Organismo tecnico regionale, cui compete la verifica sull’osservanza delle norme tecniche per la costruzione in zona sismica relativamente al territorio della provincia di Udine. Soprattutto essendo emerso che, in questi primi mesi di applicazione della legge regionale, si sono indubbiamente registrati alcuni problemi legati sia alla applicazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni (DM 14/01/2008), normativa complessa e non sempre di facile ed univoca interpretazione, sia alle nuove modalità procedurali di deposito, controllo ed invio delle autorizzazioni sui progetti strutturali.

 

L’incontro è stato quindi l’occasione per sottoporre all’attenzione dell’Organismo regionale ed alla Direzione centrale infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale e lavori pubblici, i punti più critici emersi dalla viva testimonianza dei partecipanti.

Fra tutti, la necessità di rendere più tempestivo, e di conseguenza meno gravoso, il processo di comunicazione dell’avvenuto esame progettuale da parte dell’Organismo tecnico, garantendo che le informazioni raggiungano tutti gli interessati alla realizzazione dell’opera (Committente, Progettista strutturale, Collaudatore in corso d’opera, Appaltatore), cosa che oggi non avviene in quanto dalle comunicazioni restano esclusi il progettista e il collaudatore.

Con altrettanta forza è stata sottolineata la totale contrarietà degli ingegneri al recente emendamento alla legge che ha cassato qualsiasi tipo di verifica preventiva sui progetti strutturali degli interventi per la zona 3, ovvero le aree a bassa sismicità.

Su questo punto la Federazione Regionale degli Ordini degli Ingegneri ha una posizione molto chiara: la sicurezza del costruito e la qualità progettuale sono temi complementari e obiettivi irrinunciabili; non vanno aboliti i controlli, quanto piuttosto andrebbero ripensati modalità e meccanismi attraverso i quali si attuano. Mantenendo l’obbligo di revisione di tutti i progetti relativi ad opere strategiche e rilevanti dal punto di vista del collasso in caso di sisma, potrebbe essere graduata diversamente, in funzione alla sismicità della zona, la percentuale dei controlli sulle altre opere, che non dovrebbero essere perciò aboliti in nessun caso.

 

Dal momento che l’adeguamento dell’impostazione del loro lavoro ai dettami delle norme tecniche per la costruzione in zona sismica, così come definite dalle normative vigenti, richiede un notevole impegno e che la fase di transizione non si è ancora conclusa, l’Ordine degli Ingegneri di Udine si sta impegnando, di concerto con gli altri Ordini degli Ingegneri della nostra regione, per trovare soluzioni alle difficoltà di natura procedurale. Infatti, vista l’ottima riuscita di questa prima iniziativa, tra qualche mese potrà essere programmato un ulteriore incontro per monitorare l’evolvere della situazione.


BLU WOM 

www.bluwom.com - UDINE | MILANO

33100 Udine – Via Marco Volpe, 43 tel 0432-886638

Resp. Ufficio stampa: Laura Elia laura.elia@bluwom.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl